dalla Home

Mercato

pubblicato il 1 febbraio 2010

Tesla Motors va in Borsa

Azioni per 100 milioni di dollari in previsione del lancio della Model S

Tesla Motors va in Borsa
Galleria fotografica - Tesla Model S ConceptGalleria fotografica - Tesla Model S Concept
  • Tesla Model S Concept - anteprima 1
  • Tesla Model S Concept - anteprima 2
  • Tesla Model S Concept - anteprima 3
  • Tesla Model S Concept - anteprima 4
  • Tesla Model S Concept - anteprima 5
  • Tesla Model S Concept - anteprima 6

Con il deposito della documentazione alla U.S. Securities and Exchange Commission la californiana Tesla ha ufficializzato la prossima quotazione in Borsa che il numero 1 Elon Musk aveva anticipato già nel 2008. La Casa californiana ha in programma un'offerta pubblica iniziale per un ammontare di circa 100 milioni di dollari che verrà gestita da Goldman, Sachs & Co., Morgan Stanley, J.P. Morgan e Deutsche Bank Securities, di cui però non sono stati ancora stabiliti la data di partenza e il prezzo delle quote.

Il debutto nei listini servirà a finanziare tutte le operazioni per il lancio previsto nel 2012 della berlina Model S, per il quale Tesla beneficerà del prestito di 465 milioni di dollari ottenuto pochi giorni fa dal U.S. Department of Energy che serviranno ad approntare due nuovi impianti in California, a Pasadena per l'assemblaggio e a Palo Alto per i motori.

A partire da allora Tesla potrà cominciare a fare profitti, dal momento che dal 2003 il bilancio è stato negativo: il deficit finora accumulato è di 236,4 milioni di dollari, mentre le perdite nette annuali si sono ridotte da 82,8 milioni del 2008 a 31,5 per i primi nove mesi del 2009.

Con 514 impiegati in tutto il mondo la Casa di Palo Alto di recente ha trovato alleati in Europa nei tedeschi di Daimler (c'è già una Brabus-Tesla) che hanno acquisito il 10% e cooperano nel progetto smart ED, mentre la rete di vendita che è partita dall'online adesso conta 10 showroom - fra cui Londra, Monaco Montecarlo - verrà ulteriormente sviluppata al di quà dell'Oceano dall'italiano Cristiano Carlutti, ex manager Fiat, che ha assunto il comando delle operazioni europee.

Finora le Roadster vendute sono state 1000, suddivise fra le edizioni Roadster, Roadster 2 (il model year 2010 lanciato a luglio 2009) e Roadster Sport, mentre la Model S, che costerà 57.400 dollari e avrà sette posti con due strapuntini nella terza fila opposti al senso di marcia, sempre che vengano approvati in fase di omologazione, ha già ricevuto oltre 2000 prenotazioni.

Autore:

Tag: Mercato , Tesla Motors


Top