dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 29 gennaio 2010

Incentivi auto: "Sì, ma solo se si tutela il lavoro in Italia"

Così il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi

Incentivi auto: "Sì, ma solo se si tutela il lavoro in Italia"

A Montecitorio non si è ancora arrivati ad un accordo sugli incentivi auto 2010, che si stanno facendo attendere paralizzando il mercato dell'auto nuova, tuttavia continua la pioggia di dichiarazioni ministeriali sulle condizioni che sarebbero necessarie per approvarli. Dopo che il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, ha anticipato che i bonus statali 2010 saranno inferiori a quelli del 2009 e che saranno disponibili per un periodo di tempo ridotto, il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, ha detto che verranno approvati solo a patto che venga tutelata la produzione di auto in Italia.

Il riferimento alla Fiat è chiaro. A poche ore dal tavolo dell'auto in cui il governo discuterà del futuro di Termini Imerese con l'azienda e i sindacati, Sacconi ha detto da Barcellona, dove è impegnato in un Consiglio informale Ue dei ministri del Welfare: "Ci sentiamo al fianco dei lavoratori nel chiedere che una storica produzione e competenza del lavoro italiano rimanga nel nostro paese". I dati Istat sulla disoccupazione confermano "quello che temiamo: un 2010 difficile e complesso", ha affermato Sacconi, commentando i dati Istat sulla disoccupazione relativi a dicembre. Sacconi ha evidenziato, comunque, che i dati italiani sono i migliori nell'Eurozona.

Autore:

Tag: Attualità , incentivi


Top