dalla Home

Tecnica

pubblicato il 29 gennaio 2010

Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri

4 cilindri, un turbo e 203 CV per il nuovo propulsore della Casa svedese

Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri
Galleria fotografica - Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri Galleria fotografica - Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri
  • Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri  - anteprima 1
  • Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri  - anteprima 2
  • Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri  - anteprima 3
  • Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri  - anteprima 4
  • Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri  - anteprima 5
  • Da Volvo il nuovo GTDi 2.0 litri  - anteprima 6

Le ultime vicende societarie che stanno portando al passaggio di proprietà del brand Volvo, dall'americana Ford alla cinese Baic, non hanno influito sui piani di sviluppo del Costruttore svedese. Pronto al debutto c'è il nuovo propulsore 2.0 GTDi (Gasoline Turbocharged Direct Injection) che equipaggerà i modelli S80, V70 e XC60.

L'unità in questione è un 2.0 litri alimentato a benzina con iniezione diretta e dotato del turbocompressore "K03", il più piccolo attualmente disponibile sul mercato in rapporto alla potenza massima del motore, abbinato ad un cambio manuale a sei marce o in opzione alla trasmissione automatica Volvo Powershift a sei rapporti.

Questa nuova unità offre soluzioni avanzate come l'introduzione dell'iniezione diretta che assicura un'elevata velocità di riempimento della camera di combustione, garantendo l'efficienza della stessa e basse emissioni, nonché un avvio anticipato della rotazione della turbina, che offre quindi una maggiore prontezza di risposta a partire già dai bassi regimi. Un'altra peculiarità tecnica è l'uso della fasatura variabile delle valvole (VVT, Variable Valve Timing) per entrambi gli alberi a camme. Ciò garantisce la massima efficienza del processo di combustione sull'intero arco di regimi, contribuendo ad assicurare un'accelerazione rapida a tutti i regimi. Grazie a queste caratteristiche l'unità quattro cilindri sviluppa ben 203 CV e una coppia massima di 300 Nm a partire da 1750 giri/min, ma contemporaneamente assicura secondo la Casa consumi medi davvero contenuti pari a 8,3l/100 km per la S80, 8,4l/100 km per V70 e 8,6l/100km per l'XC60, mentre le emissioni inquinanti di CO2 sono pari a 189 g/km per S80, 184 per la V70 e 199 per il SUV XC60.

"L'abbinamento dell'iniezione diretta con la fasatura VVT e il nostro nuovo sistema turbo brevettato ci permette di offrire un motore con consumi di carburante contenuti e basse emissioni, senza tuttavia penalizzare le prestazioni o le caratteristiche di guida", ha spiegato Magnus Jonsson, Senior Vice President, Product Development. "Abbiamo creato un motore efficiente in città come in autostrada, e dato che il progetto si basa su un concetto di motore già esistente siamo in grado di offrire a un maggior numero di acquirenti, a un prezzo ragionevole, un'alternativa altamente efficiente sotto il profilo dei consumi di carburante".

Il lancio del 2.0 GTDi partirà dai mercati che offrono incentivi fiscali per i motori di cilindrata inferiore a due litri, vale a dire Sud-Est asiatico, Paesi Bassi, Cina e Giappone, per poi debuttare su tutti gli altri mercati.

Autore: Francesco Donnici

Tag: Tecnica , Volvo , nuovi motori


Top