dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 27 gennaio 2010

Incentivi auto 2010: di meno e per meno tempo

Così Scajola, che "bacchetta" Fiat per lo stop alla produzione per 14 gg

Incentivi auto 2010: di meno e per meno tempo

Per rilanciare i consumi il governo sta ''valutando di ripetere" gli incentivi, "non solo per l'auto". Tuttavia, trattandosi "senza dubbio di un fenomeno che turba l'andamento normale del mercato", "stiamo pensando di farlo per un periodo limitato e per una cifra meno consistente". A dirlo è stato il ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola ai microfoni di Sky Tg24.

Affatto sorpreso che la domanda di auto nuove stia calando in questo particolare momento in cui c'è attesa per gli incentivi 2010, il ministro si è però detto molto colpito dalla decisione di Fiat di bloccare per due settimane l'intera produzione in Italia, mettendo i lavoratori in cassa integrazione (Cig).

La scelta del Costruttore torinese, secondo Scajola, "non è opportuna in questo momento e rende più difficile questa vertenza". Una decisione di cui, ha evidenziato il ministro, il Governo non era a conoscenza. "Proprio in questi giorni che stiamo affrontando la delicata vicenda della Fiat a Termini Imerese e quindi il piano complessivo della Fiat in Italia - ha rimarcato - questa rapidità di decisione dell'azienda di annunciare già da oggi, e di avviare a fine mese, la cassa integrazione per tutti gli stabilimenti Fiat mi pare una decisone non opportuna. Con la Fiat i nostri contatti sono continui, ma non sapevamo dell'annuncio di ieri. Mi auguro che si possa riannodare il filo ma questa decisone rende più difficile la vertenza".

Duro il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni . "E' singolare che la Fiat si incontri con noi, sotto Natale, che ci si dia appuntamento a Palazzo Chigi per dopo le Feste, a gennaio, e che nel mezzo, quando si prepara l'incontro, ci faccia trovare 30mila cassa integrati. E' un modo molto singolare: qualcuno lo chiamerebbe 'ricatto'". Il leader della Uil Luigi Angeletti, da Palermo, chiede alla Fiat di "dire come si garantisce una produzione industriale a Termini Imerese per salvaguardare i livelli occupazionali e lo sviluppo".

Autore:

Tag: Mercato , incentivi


Top