dalla Home

Tecnica

pubblicato il 25 gennaio 2010

Skoda Yeti: anche 4x4 e con funzione Off-Road

Fondi a scarsa aderenza e fuoristrada leggero non saranno un problema

Skoda Yeti: anche 4x4 e con funzione Off-Road
Galleria fotografica - Skoda YetiGalleria fotografica - Skoda Yeti
  • Skoda Yeti - anteprima 1
  • Skoda Yeti - anteprima 2
  • Skoda Yeti - anteprima 3
  • Skoda Yeti - anteprima 4
  • Skoda Yeti - anteprima 5
  • Skoda Yeti - anteprima 6

Tempo di sporcarsi le gomme per la Skoda Yeti, a patto che non si esageri con pendenze e angoli d'attacco. Alle prese - per la prima volta - con il segmento delle SUV compatte, la Casa ceca si affida ad una tecnologia ben nota nel Gruppo Volkswagen - la frizione Haldex giunta ormai alla quarta generazione - che equipaggia le Yeti 4x4.

A partire da Yeti 1.8 TSI Adventure 4x4 e 2.0 TDI Active 4x4 è infatti disponibile il sistema di trazione integrale basato sulla frizione elettroidraulica ospitata al retrotreno nello stesso alloggiamento del differenziale posteriore; sulla base dei segnali ricevuti dalle centraline del motore, dell'ABS, dell'ESC e dal sensore dell'angolo di sterzo, la centralina Haldex provvede a regolare attraverso un'elettrovalvola la pressione all'interno del sistema a dischi multipli, in modo che la trazione venga distribuita alle quattro ruote secondo le reali necessità di guida. Per ridurre consumi e sovraccarichi inutili, la pompa elettrica dell'olio che alimenta il sistema si attiva solo quando il motore supera i 400 giri/min e alimenta l'apposito accumulatore fino a quando la pressione non raggiunge i 30 bar.

TRAZIONE VARIABILE
Il sistema, già utilizzato su Octavia Scout e Superb 4x4, prevede che in fase di partenza e accelerazione la valvola di regolazione venga chiusa automaticamente e che tutta la trazione sia riservata alle ruote posteriori, mentre nella normale marcia a velocità superiori la motricità viene distribuita in maniera variabile sui due assi a seconda delle necessità. Solo in caso di frenata, quando non è richiesta trazione alle ruote posteriori, viene scollegata la frizione. La funzione che più risulta interessante per il cliente è ovviamente però quella che si attiva in caso di marcia su fondi sdrucciolevoli, quando una delle ruote comincia a scivolare; in questo caso la normale ripartizione del 4% di coppia dietro e il 96% davanti può passare gradualmente al 25% su ciascuna ruota, fino ad arrivare al 90% dietro e 10% davanti in caso di problemi di trazione all'avantreno. Anche quando una sola delle ruote anteriori comincia a slittare, interviene il bloccaggio elettronico del differenziale (EDS) che trasferisce parte della coppia all'altra ruota anteriore e la percentuale più alta al retrotreno. Se invece a perdere aderenza è una delle ruote posteriori, l'Haldex di quarta generazione della Yeti può inviare l'85% della coppia motrice alla ruota opposta, riservando un 5% ciascuna delle altre ruote.

FUNZIONE OFF-ROAD
Un'interessante opzione da 80 euro disponibile per tutte le Yeti 4x4 (di serie sulla Experience) è la funzione Off-Road; comandabile tramite un pulsante sulla plancia, adatta numerosi parametri della vettura alla guida in fuoristrada o su terreni difficili. Oltre all'Uphill start assistant per le partenze in salita più pronto e con un regime massimo del motore a 2.500 giri/min, il kit prevede la presenza del Downhill descent assistant, un dispositivo piuttosto evoluto che mantiene costante la velocità della Yeti in discesa. Quest'ultimo sistema si attiva automaticamente quando si affronta una discesa con pendenza pari o superiore al 10% ed è studiato per mantenere la stessa velocità che si aveva prima di affrontare il declivio, senza che il guidatore debba frenare o accelerare. Il tutto serve ad evitare il bloccaggio delle ruote e a mantenere la velocità ideale per seguire la direzione desiderata, con il massimo del controllo e fino al massimo di 30 km/h. Il mantenimento della velocità costante viene realizzato per mezzo della centralina ESC che dosa l'azione frenante sulle ruote, funziona con il cambio in folle, con una delle prime tre marce inserite e in retromarcia, e la disattivazione è immediata se il pilota preme l'acceleratore o il freno.

NUOVE REGOLAZIONI
La funzione Off-Road attiva anche altri sistemi, altrettanto pratici nell'uso su neve, ghiaccio, fango e terreni sdrucciolevoli. Il primo è l'ABS Off-Road che risulta particolarmente adatto alle frenate d'emergenza sulla neve, con un bloccaggio temporaneo della ruote utilizzato per creare l'effetto "cuneo" davanti al battistrada e rendere più efficiente e breve la frenata; il suo funzionamento è abilitato solo a ruote dritte e fino a 50 km/h. L'ASR Off-Road migliora lo spunto da fermo su superfici molli o scivolose, fino a 50 km/h. Anche l'EDS Off-Road garantisce il bloccaggio elettronico del differenziale con tempi di intervento ridotti e attivazione anche alla variazione dell'asse.

Skoda Yeti

Il primo SUV di Skoda... "all'opera" su strada e sterrato!

Autore:

Tag: Tecnica , Skoda


Top