dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 20 gennaio 2010

Al via la 2a Conferenza del PoloIdrogeno Regione Lazio

"Energie rinnovabili: da alternativa a motore di sviluppo", il tema 2010

Al via la 2a Conferenza del PoloIdrogeno Regione Lazio

Si è aperta oggi con il tema "Energie rinnovabili: da alternativa a motore di sviluppo" la seconda Conferenza del PoloIdrogeno Regione Lazio, il centro di ricerca di Civitavecchia dove si punta "a sperimentare e portare a livello di pre-industrializzazione tecnologie energetiche ancora in fase di sperimentazione e ottimizzare e rendere maggiormente competitive quelle già in commercio", come ha sottolineato il Prof. Vincenzo Naso, Direttore del CIRPS-Sapienza. La Conferenza connette le esperienze di ricerca, impresa e società con la partecipazione anche quest'anno di aziende come ENI, ENEL, Air Liquide e SAPIO, secondo un percorso di partnership già ben avviato con il PoloIdrogeno, oltre che degli organismi governativi APRE (Agenzia per la promozione della ricerca europea) ed ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile).

Cuore del progetto PoloIdrogeno i tre laboratori in cui viene condotta in ambito regionale la ricerca e lo sviluppo delle tecnologie dell'idrogeno e dei nuovi vettori energetici, come il laboratorio Elettrochimico, che nasce per lo studio della alimentazione di sistemi energetici da fonti rinnovabili (mini-idraulico, eolico e fotovoltaico), elettrolisi a bassa temperatura (alcalini e PEM), stoccaggio di idrogeno e di elettricità in accumulatori e lo sviluppo di celle a combustibile a bassa temperatura; il laboratorio Termochimico incentrato sulla ricerca per la produzione e l'utilizzo in celle a combustibile e turbogas cogenerativi ad altissima efficienza di idrogeno da biomassa, simulazioni impiantistiche di impianti di gassificazione per biomasse, gassificazione con sequestro di CO2, simulazioni con sistemi di supercalcolo e caratterizzazione di sorbenti per la cattura di CO2.

Queste esperienze convergono nel laboratorio Automotive, dove si sviluppano soluzioni di mobilità sostenibile e di veicoli ibridi-elettrici ed a trazione puramente elettrica, si analizzano consumi ed emissioni di veicoli in condizioni reali di marcia sui strada e sono stati già realizzati il prototipo Host (Human Oriented Sustainable Transport) e il bus ibrido a idrogeno in fase di sperimentazione su strada e quindi già vicini alla forma definitiva, come sottolinea il Prof. Fabio Orecchini, Responsabile Scientifico del Polo Idrogeno: "Siamo alle porte di una nuova rivoluzione industriale, di cui le energie rinnovabili e l'utilizzo pulito ed altamente efficiente dei vettori energetici saranno fattori trainanti, ed il Polo Idrogeno sta lavorando perchè il Lazio e l'Italia siano parte attiva di questa nuova, stimolante stagione e ne possano raccogliere i benefici".

Autore:

Tag: Eventi , mobilità sostenibile , h2roma


Top