dalla Home

Novità

pubblicato il 18 gennaio 2010

Nissan Cube

Il multispazio giapponese si presenta all'Europa. Prezzi da 19 mila euro

Nissan Cube
Galleria fotografica - Nissan CubeGalleria fotografica - Nissan Cube
  • Nissan Cube - anteprima 1
  • Nissan Cube - anteprima 2
  • Nissan Cube - anteprima 3
  • Nissan Cube - anteprima 4
  • Nissan Cube - anteprima 5
  • Nissan Cube - anteprima 6

In Giappone la conoscono bene già da dodici anni, ma la Nissan Cube solo dopo aver venduto oltre un milione di esemplari si è decisa a varcare i confini patrii, dov'è nota come una vettura pratica per la città, ma soprattutto trendy e modaiola. Negli USA la terza generazione della Cube ha debuttato lo scorso anno, ora è il turno dell'Europa che riuscirà forse a digerire meglio degli States una vettura così fuori dal comune.

STILE AL CUBO
Si direbbe un'auto dal gusto fortemente giapponese, eppure in Nissan assicurano che anche i nipponici sono rimasti stupiti dalla foggia davvero inusuale della Cube, squadrata quanto basta per dare spazio all'abitacolo, arrotondata quel che serve per renderla simpatica al primo approccio. Il look è quanto mai "design-oriented", parecchio lontano dai classici canoni estetici dell'automobilismo occidentale. Nella tinta bianca - Bitter Chocolate, Sea Turquoise, Witty Military, grigio, argento, rosso e nero le altre -, senza il marchio Nissan potrebbe essere una ipotetica vettura della Apple, che con il suo design morbido e minimalista ha influenzato gran parte della recente elettronica di consumo. "Apple iCube" poi non suonerebbe per niente male, conferma sorridendo John Sahs, il californiano responsabile del design... Marchio di fabbrica la vetratura asimmetrica, particolare coraggioso e industrialmente anche costoso visto che bisogna allestire due tipi di scocche a seconda dei mercati con guida a destra o a sinistra, che però permette di ottenere un personalissimo effetto "tetto sospeso" nella vista posteriore. Anche se riprende le forme squadrate delle k-car giapponesi, le misure della Cube sono però da multispazio compatta: 3,98 metri la lunghezza complessiva, 1,69 metri la largezza, per un passo abbondante di 2,53 metri.

INTERNI ZEN
Gli sbalzi ridotti, l'altezza considerevole (1,67 m) e i montanti anteriori in posizione inusualmente avanzata fanno degli interni della Cube un ambiente arioso e luminoso, con una posizione di guida rialzata e comoda grazie all'imbottitura dei sedili di consistenza simile a quella dei materassi in lattice. Di qualità anche i tessuti dei rivestimenti ad effetto scamosciato, disponibili in nero e beige, mentre alle edizioni speciali sarà riservato un marrone scuro.
Il design di insieme lo dichiarano ispirato all'acqua, elemento ricorrente nella filosofia orientale, come l'andamento a onda della plancia e la foggia a onde concentriche di numerosi particolari. Infatti nell'abitacolo della Cube ai liquidi sono destinati i comodi portabicchieri presenti all'estremità della plancia, davanti e in fondo alla console centrale, altri nel bracciolo posteriore, mentre tutte e quattro le porte ospitano un portabottiglie che è presente pure nel montante posteriore sinistro.
Ulteriore tocco "jap" la tendina del tetto panoramico di serie, realizzata con un materiale simile ai tipici divisori in carta di riso. Intelligente poi il divano posteriore con schienale reclinabile su tre diverse posizioni che scorre longitudinalmente per ben 24 cm. Permette di variare la capacità del bagagliaio da 283 a 403 litri (1563 lt con i sedili abbattuti), oltre a trovarsi in posizione più alta rispetto ai sedili anteriori per favorire la visibilità dei passeggeri che stanno comodi anche in tre. La finestratura asimmetrica, con il montante posteriore destro "bucato" da un cristallo aggiuntivo e il portellone incernierato lateralmente, sarebbe una mossa per facilitare i parcheggi lungo i marciapiede. Il risultato non è del tutto miracoloso, ma la visibilità in ogni direzione rimane comunque ottima e si vede che la Cube è stata progettata per un uso urbano, dove la facilità di parcheggio in spazi stretti è un "fondamentale" della guida in città.

BENZINA O DIESEL, FORSE GPL
Con la Cube si può parlare quasi di una world car, vista la strategia Nissan di diffonderla in tre continenti. Però ogni paese ha le sue esigenze ed ecco per l'Europa comparire per la prima volta una Cube con motorizzazione diesel. La scelta è caduta sull'ultima evoluzione del 1.5 dCi Euro 5 e con filtro antiparticolato di serie degli alleati di Renault al debutto nella gamma Nissan. I 110 CV e 240 Nm di coppia massima si sentono tutti fin dai bassissimi regimi, grazie anche al cambio manuale a 6 rapporti che così si può utilizzare poco, mentre le prestazioni dichiarate dicono 175 km/h di velocità massima e uno 0-100 km/h in 11,9 secondi. Ottimi i valori di consumo stimati: nel ciclo medio 5,2 l/100 km e 135 g/km di CO2. Il diesel arriverà però in aprile, mentre è disponibile da subito la versione a benzina dotata del 1600 cc da 110 CV e 153 Nm già in servizio presso la Note e la Qasqhqai. Consuma 6,6 l/100 km sul ciclo combinato, permette anche esso una velocità massima di 175 km/h e un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 11,3 secondi, ha emissioni di CO2 pari a 151 g/km e potrebbe in futuro essere declinato in versione a GPL. Su questa motorizzazione sarà disponibile il cambio automatico a variazione continua CVT proposto come optional a 1500 euro.
Entrambi si sposano bene con il telaio della Cube, che assicura ottima stabilità e un rollio molto contenuto nonostante l'altezza considerevole grazie ad un reparto sospensioni che lavora molto bene. Sono brillanti e perfetti per la città, dove l'ottima visibilità, volante e cambio leggeri e il raggio di sterzata ridotto a 10,5 metri rendono la vita piuttosto facile. Il diesel è più adatto per le percorrenza autostradali, dove a velocità sostenuta si avverte però un sensibile fruscio aerodinamico all'altezza dei retrovisori, unica pecca di un'insonorizzazione altrimenti di ottimo livello.

DUE VERSIONI FULL OPTIONAL
La gamma italiana è strutturata nelle due versioni LOOK e LUXURY. L'unica differenza fra le due è che sulla seconda c'è il navigatore satellitare integrato con telecamera di retromarcia. Già nella versione d'attacco è infatti previsto tutto: ESP, 6 airbag, servosterzo elettrico, alzacristalli elettrici, tettuccio panoramico in vetro, climatizzatore automatico, cerchi in lega da 16", fendinebbia anteriori, condizionatore, lettore CD con presa AUX per lettori MP3 e connessione Bluetooth per il telefono cellulare, Intelligent Key con pulsante di accensione motore, luci e tergicristalli a funzionamento automatico. La prima viene proposta a 19.000 euro tondi tondi, mentre per la seconda il conto sale a 19.800 euro, sempre esclusa la vernice metallizzata (400 euro).
Più in là potrebbe arrivare anche un allestimento più economico, mentre per il momento si può attingere ad un ampio catalogo di accessori - decalcomanie, inserti cromati, portabici, spoilerino posteriore, ganci e elastici portatutto e addirittura una illuminazione a colori cangiante per la zona dei piedi - sulla falsariga delle personalizzazioni proposte per MINI e Fiat 500, con le quali la Cube dovrebbe condividere un target di amanti del lifestyle. L'obiettivo è quello di conquistare in Italia 2000 clienti all'anno e diventare la proposta "stilosa" di una gamma Nissan che si consoliderà sempre più verso il basso con l'arrivo in ottobre della Juke e la presentazione il mese successivo della nuova Micra.

Autore:

Tag: Novità , Nissan


Top