dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 gennaio 2010

Auto, crisi ed italiani...Regione per regione

I liguri i meno dipendenti dall'auto, i marchigiani i più preoccupati dai costi

Auto, crisi ed italiani...Regione per regione

Se le vendite sono state tenute a galla dagli incentivi, in questo 2009 segnato dalla crisi gli italiani ancor più che nel passato hanno sperimentato l'impatto dell'auto sul proprio portafogli. Dal momento dell'acquisto, ai costi di gestione, alla frequenza con cui si usa la propria vettura, la parola d'ordine di fronte alla crisi economica è stata "risparmio". Da regione a regione ci sono state però delle differenze, rilevate da uno studio che Europ Assistance ha commissionato all'istituto di ricerca SWG.

LIGURI INDIFFERENTI, MARCHIGIANI PREOCCUPATI
"Preoccupati", "sensibili" o "indifferenti" di fronte alla crisi? E qui arriva la sorpresa. Infatti i meno preoccupati sono i liguri, alla faccia dello stereotipo che vuole il genovese attento prima di tutto al salvadanaio. A seguire ci sono i siciliani, i laziali ed gli emiliano-romagnoli. "Sensibili" alla crisi i lombardi, i molisani e i veneti, mentre si sono dichiarati "preoccupati" dall'influenza della crisi sulla proprietà di un'automobile tutte le altre 16 regioni, con in testa marchigiani, umbri e sardi. Incrociando invece dati come la misura in cui l'automobile viene percepita come indispensabile (con un voto su scala da 1 a 10), la frequenza di utilizzo nell'arco di una settimana e il numero di chilometri percorsi nel corso dell'ultimo anno, SWG ha disegnato una classifica dell'indispensabilità dell'auto regione per regione.

PER I VENETI E' IRRINUNCIABILE
E qui si scopre il perché i liguri siano piuttosto indifferenti al'impatto della crisi sull'automobile: semplicemente perché sono i primi a non ritenerla indispensabile, seguiti dagli abitanti del Trentino-Alto Adige per i quali l'automobile è "superflua". Segno che in queste due regioni la struttura socioeconomica e l'efficienza del trasporto pubblico assegnano all'auto un ruolo marginale nella vita di tutti i giorni. Tutto il contrario per i veneti, seguiti da umbri, marchigiani e sardi ex aequo, per i quali è "irinunciabile", mentre in Emilia-Romagna, Toscana, Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Valle d'Aosta possedere un'automobile è ritenuto "importante". Di seguito le classifiche con tutte le regioni:

INDICE DI RISPARMIO
Marche, 132
Umbria, 131
Sardegna, 114
Campania, 110
Toscana, 108
Piemonte + Valle d'Aosta, 106
Trentino Alto Adige, 106
Puglia, 103
Calabria, 103
Basilicata, 101
Friuli Venezia Giulia,100
Abruzzo, 100
Molise, 99
Veneto, 98
Lombardia, 95
Emilia Romagna, 93
Lazio, 93
Sicilia, 81
Liguria, 76

INDICE DI INDISPENSABILITA'
Veneto, 108
Umbria, 107
Marche, 107
Sardegna, 107
Sicilia, 106
Basilicata, 104
Calabria, 103
Abruzzo, 102
Campania, 102
Lazio, 102
Puglia, 102
Molise, 101
Emilia Romagna, 99
Toscana, 98
Lombardia, 97
Piemonte + Valle d'Aosta, 97
Friuli Venezia Giulia, 95
Trentino Alto Adige, 90
Liguria, 87

Autore:

Tag: Curiosità , lifestyle


Top