dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 13 gennaio 2010

BYD e6, ritorno a Detroit

Già presente all’edizione del 2009, il crossover cinese ha batterie al ferro e autonomia di 330 km

BYD e6, ritorno a Detroit
Galleria fotografica - BYD e6 e F3DMGalleria fotografica - BYD e6 e F3DM
  • BYD e6 e F3DM - anteprima 1
  • BYD e6 e F3DM - anteprima 2
  • BYD e6 e F3DM - anteprima 3
  • BYD e6 e F3DM - anteprima 4
  • BYD e6 e F3DM - anteprima 5
  • BYD e6 e F3DM - anteprima 6

La cinese BYD ha presentato al Salone di Detroit la e6, crossover 5 posti lungo 4,55 metri con il quale conta di sbarcare sul mercato americano entro il 2010. Una doppia previsione alquanto rischiosa visto che riguarda un mercato altamente competitivo e una tecnologia completamente nuova dove però la BYD può davvero dire, la sua visto che siamo di fronte al primo produttore mondiale di batterie al litio per apparecchi domestici e telefonini.

La e6 era stata mostrata a Detroit anche nel 2009 e renderla particolare sono proprio le sue batterie che, al contrario della vulgata comune che indica negli ioni di litio (con qualche eccezione a proposito dei polimeri di litio) la tecnologia ideale per le auto del futuro, la BYD ha sviluppato batterie al ferro che offrono stabilità termica e riciclabilità superiori a quelle al litio, ma soprattutto un'autonomia maggiore. La e6 infatti promette di fare con un pieno di energia 330 km a fronte di buone prestazioni (140 km/h, 0-100 km/h in 14 secondi), soprattutto considerando il rapporto tra i 75 kW (102 CV) del motore sincrono a magnete permanente e il peso complessivo di ben 2.295 kg.

Diverso da quelli allo studio per altri marchi anche il sistema di ricarica che, per il momento, può avvenire solo attraverso corrente trifase a 380 Volt e 100 Ampere. Il tutto è controllato da un sistema elettronico che controlla il processo di rifornimento tramite un collegamento CAN tra la vettura e la colonnina di ricarica.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni


Top