dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 13 gennaio 2010

Toyota FT-CH

Anticiperebbe la nuova Yaris attesa nel 2011 anche in versione ibrida

Toyota FT-CH
Galleria fotografica - Toyota FT-CHGalleria fotografica - Toyota FT-CH
  • Toyota FT-CH - anteprima 1
  • Toyota FT-CH - anteprima 2
  • Toyota FT-CH - anteprima 3
  • Toyota FT-CH - anteprima 4
  • Toyota FT-CH - anteprima 5
  • Toyota FT-CH - anteprima 6

Si chiama FT-CH il nuovo concept ibrido che la Toyota presenta al Salone di Detroit e le ultime due lettere stanno per Compact Hybrid. La base elettromeccanica è naturalmente quella della Prius, ma sono nelle dimensioni e nella targhetta sul lato della vettura a dare due indizi. Per le prime, si parla di 56 cm in meno dei 4 metri e 46 della Prius, ovvero 3,90 metri ed è più stretta di un paio di centimetri, cioè 1,72 metri. Sono le dimensioni di una vettura di segmento B. Per la seconda, si legge ED2 Toyota European Design Development e questo vuol dire che questo prototipo è stato elaborato presso il centro stile della casa giapponese che si trova in Costa Azzurra. Se due indizi fanno una prova, allora vuole dire che la FT-CH, come
ipotizzato, anticipa in qualche modo lo stile della Toyota Yaris che nel 2011 si presenterà con la sua terza generazione e avrà anche una versione ibrida, per l'appunto.

Se ciò fosse vero, gli elementi di stile nuovi sarebbero molti, a cominciare dai fari anteriori a boomerang che arrivano fino alla base del parabrezza e quelli posteriori ad andamento verticale. Ma la rivoluzione starebbe nel fatto che, da quasi monovolume tutta spazio e praticità, la Yaris diventerebbe molto più sportiva e dinamica per le proporzioni, la forma dei parafanghi e l'andamento sia della finestratura sia del tetto. Neppure gli stilisti Toyota hanno resistito dal nascondere la maniglia della portiera posteriore come per la prima volta è accaduto sulle Alfa Romeo per dare alla FT-CH un'aria da coupé.

Anche l'abitacolo offre spunti interessanti a partire dalla strumentazione raccolta dietro il volante (sulla Yaris è al centro della plancia) dove si notano anche le levette per il cambio, un elemento inedito per un'ibrida il quale rafforza l'idea che per la sua prossima piccola Toyota stia pensando a qualcosa di più sportivo del solito per entrare con maggiore decisione del cuore dei clienti americani, sempre più inclini a scegliere auto piccole. Il posizionamento più aggressivo darebbe alla Yaris la possibilità inoltre di differenziarsi maggiormente da quella che è la sua avversaria principale sui mercati americano e giapponese, la Honda Fit-Jazz, anche lei ad avere una versione ibrida e, dunque, da contenere con uno stile differente e con le prestazioni. I 136 CV della Prius sono garanzia di prestazioni ed una carrozzeria più piccola e leggera assicurano potenzialmente consumi ed emissioni ancora più bassi.

La FT-CH ha, proprio perché provvista di doppia propulsione, molte valenze: da qui al 2015 ci saranno 8 nuove vetture ibride con i marchi Toyota e Lexus, alcune come versioni di auto con motore solo a pistone, altre ibride dedicate come la Prius con l'obiettivo di dare entro il 2020 una variante ibrida a ogni modello prodotto. Una strategia che porterà la Toyota Motor Corporation a produrre 1 milione di ibridi all'anno prima della metà di questo decennio. Un obiettivo ambizioso, ma non irraggiungibile con una Prius che marcia da sola verso il mezzo milione di unità all'anno, l'arrivo della Auris Hybrid e tutti i modelli e le varianti ibride presenti nelle gamme per gli USA e per il Giappone dove l'ibrido ormai ha pesato per il 10% del mercato totale 2009 con previsioni di aumento robusto già dall'anno in corso.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Prototipi e Concept , Toyota


Top