dalla Home

Attualità

pubblicato il 3 gennaio 2010

Ecopass: quando e quanto si paga nel 2010

Il Comune di Milano lo ha prorogato per tutto l'anno. Ecco i dettagli.

Ecopass: quando e quanto si paga nel 2010

L'Ecopass, ovvero il pedaggio che i veicoli devono pagare per entrare nel centro di Milano entrato in vigore nel 2008, è stato prorogato per tutto il 2010 mantenendo inalterati i sistemi di pagamento, le tariffe e i termini di esenzione, ma con la riserva di revisione al 30 aprile prossimo.

CHI NON DEVE PAGARLO
La proroga, sancita con un'ordinanza firmata dal vicesindaco, Riccardo De Corato, fissa ancora le esenzioni per i veicoli Diesel omologati Euro 4 ed Euro 5 o per il trasporto di persone fino a 9 posti e di merci non muniti di filtri antiparticolato di primo equipaggiamento anche perché quelli montati in post-vendita non sono ancora disponibili. L'Ecopass avrà tuttavia una tregua nei giorni 4 e 5 gennaio, oltre al festivo dell'Epifania, e sarà di nuovo applicato dal 7 gennaio.

IL COSTO DELL'ECOPASS
L'ordinanza proroga anche la validità dei sistemi e dei titoli di pagamento: i giornalieri singoli da 2€, 5€, 10€ e giornalieri multipli da 20€, 50€, 100€ e per quelli parzialmente fruiti nel 2009 ci sarà la possibilità di spendere i crediti residui nel corso di tutto il 2010, ma anche per quelli che riportano la scadenza al 31 dicembre 2009 e anche 2008. L'unica eccezione riguarda i titoli di ingresso giornaliero multipli agevolati poiché quelli non spesi entro il 31 dicembre 2009 non potranno essere né spesi né rimborsati. A partire dal 1° gennaio 2010 potranno invece essere attivati i titoli di ingresso multipli agevolati, gli abbonamenti per residenti e quelli effettuati con addebito in conto corrente bancario. Per consentire agli utenti di mettersi in regola, gli accessi effettuati dal 7 gennaio potranno essere regolarizzati se le attivazioni saranno effettuate entro il 20 gennaio.

IL COMUNE LO DIFENDE
L'Ecopass dunque continua e il Comune di Milano, nonostante le critiche, difende il provvedimento sostenendo che, sin dalla sua applicazione i dati relativi alle polveri sottili sono migliorati e nei primi 18 mesi sono diminuiti del 14,4% gli eccessi nell'area Ecopass e del 6,8% al di fuori smentendo con quest'ultimo dato chi sostiene viceversa che l'interdizione del centro aumenti il traffico al di fuori. Sono inoltre diminuiti del 65,3% gli accessi dei veicoli più inquinanti, pari a 24.864 veicoli al giorno di media, e contemporaneamente aumentati gli accessi sia di quelli esentati dal pagamento del 18,4% pari a 9.637 veicoli giornalieri.
Dunque l'Ecopass, secondo i dati del Comune di Milano, funziona ma è anche passibile di modifiche che, come anticipato, potrebbero intervenire alla fine di Aprile, si spera con una logica diversa da quella vessatoria dei pedaggi autostradali.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Attualità


Top