dalla Home

Mercato

pubblicato il 18 dicembre 2009

Fiat 1.4 Multiair by Chrysler

Il motore italiano, aspirato e turbo, sbarca in America

Fiat 1.4 Multiair by Chrysler
Galleria fotografica - Fiat 1.4 Multiair by ChryslerGalleria fotografica - Fiat 1.4 Multiair by Chrysler
  • Fiat 1.4 Multiair by Chrysler - anteprima 1
  • Fiat 1.4 Multiair by Chrysler - anteprima 2
  • Fiat 1.4 Multiair by Chrysler - anteprima 3
  • Fiat 1.4 Multiair by Chrysler - anteprima 4

All'annuncio della produzione nello stabilimento GEMA di Dundee del motore Fiat 1.4 destinato innanzitutto alla 500, il Gruppo Chrysler fa seguire i primi dati tecnici del propulsore quattro cilindri 16V della famiglia FIRE (Fully Integrated Robotized Engine), dotato della nuova tecnologia Multiair.

La versione aspirata, la prima ad uscire dalla fabbrica americana, ha una potenza massima di 102 CV (75 kW) a 6.750 griri/min ed esprime 129 Nm di coppia massima a 4.250 giri/min. Questi dati risultano in pratica coincidenti con quelli del nuovo motore Multiair installato sulla Fiat Punto Evo e sull'Alfa MiTo. Una versione turbocompressa è già prevista nei prossimi piani produttivi.

Sbarca così in America un sistema moderno e innovativo come il Multiair, sviluppato in Italia e presentato solo nel marzo scorso, perfetto per introdurre sul mercato statunitense una nuova linea di propulsori con emissioni di CO2 contenute. L'alzata e la fasatura delle valvole variabile, indipendente per ogni cilindro, permette infatti di avere una potenza maggiore del 10% rispetto a motori dotati di testata tradizionale, con consumi ridotti fino al 10%.

La versione turbo del Multiair sarà poi in grado di ottenere le prestazioni di un tradizionale V6 americano, con il vantaggio di consumi ridotti fino al 25%. In questo modo la gamma di veicoli venduti da Chrysler Group LLC potrà ridurre drasticamente il proprio livello medio di emissioni di CO2. La stessa tecnologia Multiair verrà presto applicata ad altri propulsori del gruppo italo-americano, compresi i diesel (per il controllo dei NOx), i 4 cilindri Chrysler "World Gas Engine" e il nuovo Pentastar V6.

Autore:

Tag: Mercato , Fiat


Top