dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 2 dicembre 2009

Ford Fiesta per il Nordamerica

E' già pronta al lancio in USA, Canada e Messico

Ford Fiesta per il Nordamerica
Galleria fotografica - Ford Fiesta per il NordamericaGalleria fotografica - Ford Fiesta per il Nordamerica
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 1
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 2
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 3
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 4
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 5
  • Ford Fiesta per il Nordamerica - anteprima 6

La Ford Fiesta diventa americana presentandosi in occasione del Salone dell'Auto di Los Angeles (4-13 dicembre) e sdoppiandosi con la versione a tre volumi preparandosi al debutto sul mercato di USA, Messico e Canada previsto all'inizio del 2010, prima pietra della strategia One Ford, ovvero una gamma unica per tutti i mercati del mondo. I prossimi modelli ad essere investiti da questa nuova visione saranno la nuova Focus, il cui debutto dovrebbe avvenire emblematicamente al NAIAS di Detroit (14-24 gennaio 2010), e la C-Max, già svelata e attesa dall'altra parte dell'Atlantico per il 2011.

La Fiesta americana è simile come non mai a quella europea e ha uno stile ancora più teso che esalta il suo carattere "kinetic", in particolare nel frontale, ma è un po' più lunga: 4,06 metri contro i 3,95 metri della nostra. La tre volumi deriva dal prototipo Verve che anticipava questa variante in modo praticamente totale a Detroit già nel 2008, è lunga invece 4,41 metri e ha un bagagliaio che, misurato con le regole americane, ha 12,8 piedi cubici (362 litri). Anche l'interno è il medesimo, sia nelle funzionalità concesse dall'elettronica di bordo (cambia solo la scala del tachimetro da km/h a mph) sia nello stile con qualche ovvio adattamento nei colori, il più vistoso dei quali è nei rivestimenti dei sedili provvisti di bordatura (piping) a contrasto. A proposito di vistosità, la Fiesta USA potrà avere anche la carrozzeria in stile Mustang con la doppia barra longitudinale bianca su carrozzeria blu e rossa, nonché un assetto ribassato con pneumatici si cerchi da 17 pollici.

Le novità maggiori le troviamo sotto il cofano con l'arrivo di un nuovo 4 cilindri 1,6 litri da 119 CV a 6.000 giri/min e 148 Nm a 4.750 giri/min, dotato di doppia fasatura variabile continua (disponibile in Europa su Focus, ma non su Fiesta) accoppiato a richiesta con il nuovo cambio a doppia frizione a secco Dual Shift, una innovazione che concilia le abitudini americane con la sportività europea e la necessità di limitare consumi ed emissioni con dati che parlano di 40 miglia per gallone. Corrispondono a 17 km/litro, un dato che da noi appare come modesto, ma ottenuto con le regole locali e che, agli occhi degli americani, costituisce una soglia reale e psicologica di notevole importanza. Di serie ci sarà un manuale a 5 rapporti, ma quel che è sicuro è che questo nuovo cambio a doppia frizione sarà presto anche in Europa a partire da altri modelli, ma anche su Fiesta.

La Fiesta intanto ha superato dal lancio le 500mila unità, è la seconda auto più venduta in Europa e la straniera più targata in Italia dopo Uno e Panda. Anche le avversarie che la Fiesta si troverà saranno simili a quelle che si trova sul vecchio Continente, ma non certo le più forti come Honda Fit (la Jazz), la Toyota Yaris, la Nissan Versa (non venduta da noi) e anche la Mazda2 che con la Fiesta condivide lo stesso pianale e ne segue le orme presentandosi anche lei sul mercato nordamericano proprio al Salone di Los Angeles. Al contrario di quanto si crede, non è la prima volta che la Fiesta arriva negli USA. La Ford ci aveva provato già nel 1978 con la prima generazione presentata nel 1976. Erano gli anni dopo la crisi petrolifera, ma con il 1981 a Dearborn la tolsero dai listini perché la paura era finita. Oggi tutti sono pronti a scommettere che questa marcia indietro non ci sarà, Ford in prima fila. Il mercato per ora sembra dare ragione a chi lo pensa: il calo del mercato USA nei primi 11 mesi è stato del 23,9%, quello delle vetture compatte in generale si è invece attestato a -13,2%. L'obiettivo di Ford è di vendere nel mondo almeno 600mila Fiesta, 1 milione di vetture basate sulla sua piattaforma, numeri che, allo stato attuale, sembrano abbondantemente raggiungibili e che dovrebbero assicurare quella profittabilità che sfati il detto americano "small car, small profits". Ora si attende il prezzo. Considerando che la Focus parte da 15.995 dollari, la Fiesta dovrebbe partire da circa 14.500 dollari.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Ford


Top