dalla Home

Attualità

pubblicato il 1 dicembre 2009

Ponte sullo Stretto: 470 mln "congelati" nella Finanziaria 2010

La Camera blocca l'emendamento, per ora

Ponte sullo Stretto: 470 mln "congelati" nella Finanziaria 2010

470 milioni di euro per far partire il Ponte sullo Stretto, un'infrastruttura il cui costo è passato da 6,1 miliardi di euro a 6,3 miliardi e che dovrà essere pronta entro il 2016. E' questo il contenuto di uno dei 14 emendamenti presentati dal Governo alla Finanziaria 2010, attualmente in discussione alla Camera dopo il passaggio in Senato.

Ma oggi solo due di questi emendamenti hanno passato il vaglio di ammissibilità in commissione Bilancio (quello relativo al turn over dei corpi di polizia e dei vigili del fuoco e quello che introduce il cedolino unico per gli impiegati pubblici, gli sgravi per le banche e le misure per l'Abruzzo). Gli altri sette sono stati giudicati "inammissibili " e cinque congelati in attesa di relazione tecnica. Ed è tra questi ultimi che c'è l'emendamento per cui: "Al fine di attuare il processo di ricapitalizzazione della società Stretto di Messina, l'Anas è autorizzata a sottoscrivere, negli anni 2012 e seguenti, in relazione a quanto deliberato in tal senso dell'assemblea degli azionisti della società, aumenti di capitale per un importo non superiore a 470 milioni di euro".

La ricapitalizzazione della società Stretto di Messina è stata quindi messa da parte, almeno per il momento, assieme ai pacchetti welfare e giustizia, agli immobili della Difesa a Roma Capitale e ad un emendamento soppressivo del riordino dell'Ismea, perché "priva di relazione tecnica" e quindi per il momento "non pervenuta". Ciò non toglie che il Governo può riproporre questi stessi emendamenti presentando le relazioni tecniche mancanti.

Ed è sempre di oggi la notizia che la difesa del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha depositato al nuovo collegio della decima sezione penale del Tribunale di Milano, davanti al quale il 4 dicembre riprenderà il processo per il caso Mills, l'istanza di legittimo impedimento del premier in quanto per quel giorno è in programma una cerimonia ufficiale a Reggio Calabria. Berlusconi venerdì prossimo sarà presente dalle 10.30 fino a dopo le 13.30 all'inaugurazione di un tratto autostradale della Salerno-Reggio Calabria (che dovrebbe essere aperta al traffico entro il 2013) e non sarà quindi impegnato in un Consiglio dei ministri come era stato spiegato dai suoi legali nella scorsa udienza. Alla cerimonia di Reggio Calabria ci sarà anche il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli.

Autore:

Tag: Attualità , ponte sullo stretto , infrastrutture , finanziaria 2010


Top