dalla Home

Test

pubblicato il 30 novembre 2009

Renault Clio 1.2 TCe 100 CV con Carminat TomTom

La prova della "navigatrice" cittadina, agile e concreta.

Renault Clio 1.2 TCe 100 CV con Carminat TomTom
Galleria fotografica - Renault Clio 1.2 TCe 100 CVGalleria fotografica - Renault Clio 1.2 TCe 100 CV
  • Renault Clio 1.2 TCe 100 CV - anteprima 1
  • Renault Clio 1.2 TCe 100 CV - anteprima 2
  • Renault Clio 1.2 TCe 100 CV - anteprima 3
  • Renault Clio 1.2 TCe 100 CV - anteprima 4
  • Renault Clio 1.2 TCe 100 CV - anteprima 5
  • Renault Clio 1.2 TCe 100 CV - anteprima 6

Il recente restyling della Renault Clio ne ha modificato l'immagine sia nel frontale che nel posteriore, rendendola forse meno originale della serie precedente, ma dandole un'aria da classe superiore, ancor più simile alla Megane. Avere fra le mani una Clio 1.2 TCe 100 CV significa per noi mettere alla prova le promesse caratteristiche di elasticità e brio del propulsore, oltre al funzionamento del navigatore Carminat TomTom integrato nella plancia.

DOTAZIONE ADEGUATA PER LA DYNAMIQUE
La Clio Dynamique 1.2 TCe 100 CV 3 porte a nostra disposizione rappresenta l'allestimento intermedio, dotato di ESC, fari fendinebbia, look esterno sportivo, TomTom integrato, radio CD MP3 da 4x20w e regolatore/limitatore di velocità. Il suo prezzo di listino è di 13.700 euro, cifra a cui vanno aggiunti gli accessori a pagamento del nostro esemplare, ovvero i 600 euro dei cerchi in lega da 16", i 400 euro del climatizzatore automatico e altri 400 euro per la vernice metallizzata. All'interno si nota anche la presenza del volante e della leva cambio rivestiti in pelle, mentre sul lato sicurezza si segnalano i 6 airbag.

A BORDO
La prima impressione è quella di poter godere di un abitacolo migliorato e con finiture adeguate al livello della vettura, non particolarmente eleganti, ma pratiche e apparentemente robuste. I materiali sono più morbidi e piacevoli al tatto, in particolare la plancia, le corte levette di comando al volante derivano dalla serie precedente e necessitano di un poco di assuefazione nei primi metri. Il pulsante di attivazione del regolatore-limitatore di velocità è sul tunnel centrale, facile da azionare, ma non altrettanto da trovare. Le regolazioni del sedile permettono di trovare velocemente la corretta posizione di guida e di "sentire" bene l'auto. L'abitabilità verticale è abbondante (861 mm) e per i guidatori con una altezza media risulta facile anche bere da una bottiglia d'acqua stando seduti in macchina.

AL VOLANTE: IDEALE, NON SOLO IN CITTA'
Nella guida cittadina il motore turbo di 1.149 cc dotato di turbocompressore conferisce alla utilitaria francese un divertente brio da cilindrata superiore, se non come un 1.6 almeno come un buon 1.4. I 100 CV e 145 Nm, coadiuvati nei momenti di necessità dalla funzione "overpower" della turbina (oltre i 4.500 giri/min), consentono alla Clio di ottenere buoni spunti in accelerazione e ripresa, cosa non trascurabile quando si guida nel traffico urbano. Il dato di 11 secondi netti dichiarato per lo scatto da 0 a 100 km/h, anche se non testato personalmente, risulta credibile, così come i 32,6 secondi necessari per raggiungere il chilometro con partenza da fermo. Il consumo combinato di 5,8 l/100 km è stato appena superiore nella nostra veloce prova in città, nell'ordine dei 6 l/100 km, ma con una guida accorta e dal piede leggero riteniamo sia possibile fare meglio. Sterzo e cambio manuale a 5 rapporti, nei pochi chilometri percorsi, ci sono sembrati "facili" e senza problemi particolari, così come i freni, adeguati alle prestazioni della TCe. L'assetto, neutro e comfortevole, non eccede mai sul fronte della morbidezza.

CARMINAT TOMTOM: COMODITA' AL GIUSTO PREZZO
Una delle dotazioni che più ci interessava mettere alla prova è il navigatore Carminat TomTom integrato, composto da un display a colori da 5,8" ospitato in un alloggiamento fisso nella parte superiore della plancia. Il sistema, che sulla versione Comfort è un equipaggiamento a richiesta da 490 euro, fornisce anche informazioni su traffico, limiti di velocità e presenza di Autovelox. Un'utile funzionalità aggiuntiva è il suo utilizzo come centrale d'informazione del sistema multimediale, per la gestione di radio, rubrica telefonica (associato al Bluetooth) e playlist del lettore MP3 collegato alla presa USB. Una curiosa particolarità, ma anche un limite di questo sistema, è rappresentato dall'assenza di uno schermo touchscreen e dalla necessità di utilizzare sempre e solo il telecomando fornito in dotazione. Una volta entrati nell'ottica di funzionamento, peraltro intuitivo, del telecomando, risulta facile immettere la destinazione e venire guidati con precisione verso la meta. I comandi vocali forniti dalla voce guida arrivano attraverso l'impianto stereo dell'auto e risultano sempre tempestivi nei pressi di svolte, bivi o incroci particolarmente complicati.

L'accuratezza della ricezione GPS è garantita da una antenna dedicata e dall'utilizzo dell'antenna radio per le informazioni sul traffico, sistemi assistiti dal continuo raffronto dei dati con le informazioni di spostamento provenienti dalle ruote. La visualizzazione delle mappe, contenute in una scheda SD da 2 GB e quindi facilmente aggiornabili online, può avvenire nella classica modalità bidimensionale o in quella tridimensionale "birdview". Per chi vuole poi divertirsi a "smanettare" un po' con il navigatore e il PC, è possibile aggiungere al database preinstallato nuove liste di punti di interesse (POI), acquistare e aggiungere mappe e preparare in anticipo gli itinerari di viaggio.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Test , Renault , navigatori satellitari


Top