dalla Home

Curiosità

pubblicato il 26 novembre 2009

Pioggia di milioni per la Mercedes di Adolf Hitler

Il capriccio di un magnate russo è senza prezzo

Pioggia di milioni per la Mercedes di Adolf Hitler

Come nasce un desiderio è difficile saperlo, ma forse in Russia hanno trasmesso troppo spesso le immagini delle parate naziste se un magnate dell'ex stato sovietico si è follemente "innamorato" della decapottabile 770K blu che Adolf Hitler utilizzava in quelle occasioni insieme ad Hermann Goering. Il suo capriccio è diventato così forte che si è trasformato in un imperativo: averla. E per questo ha assoldato un commerciante tedesco di auto d'epoca, Michael Frohlich, affinché la trovasse.

Dopo alcune settimane di ricerca Frohlich ha scoperto che quella vettura, targata 1A 14848461 come nelle foto scattate ai tempi del III Reich, era in Germania. L'auto, chiamata anche "Grosse Mercedes" per la sua imponenza, era stata venduta in Austria alla fine la seconda guerra mondiale ed era poi finita in un museo americano. A riportarla "a casa" in Germania era stato un magnate bavarese della birra, ma dopo la sua morte la vedova aveva rivenduto la 770K ad un collezionista privato di Bielefeld (Germania).

Da allora l'auto ha riposato in garage insieme ad altre cinque vetture molto rare che Frohlich ha individuato e sottoposto all'attenzione del milionario, il quale, conquistato da quei gioielli, ha firmato il contratto d'acquisto per tutte e sei portandole a Mosca. La cifra spesa è rimasta ignota come il nome del fortunato collezionista, ma, secondo il quotidiano tedesco Kolner Express, solo l'auto del dittatore tedesco gli è costata tra i 4 e i 10 milioni di euro.

Di certo ci sono però le caratteristiche tecniche: telaio a longheroni, sospensioni ad assale rigido con molle a balestre longitudinali, freni a tamburo. Il motore era un 8 cilindri con 150 CV e la velocità massima era di 160/km. C'è da notare, tuttavia, che trattandosi di una versione costruita appositamente per Hitler e i gerarchi nazisti vi erano state apportate delle modifiche particolari. Un'elaborazione che ancora oggi è difficile da stimare.

Autore:

Tag: Curiosità , Mercedes-Benz , auto storiche


Top