dalla Home

Eventi

pubblicato il 26 novembre 2009

Renault Twingo RS Exciting Day

Una giornata in pista con il "piccolo diavolo"

Renault Twingo RS Exciting Day
Galleria fotografica - In pista con le Renault RSGalleria fotografica - In pista con le Renault RS
  • In pista con le Renault RS - anteprima 1
  • In pista con le Renault RS - anteprima 2
  • In pista con le Renault RS - anteprima 3
  • In pista con le Renault RS - anteprima 4
  • In pista con le Renault RS - anteprima 5
  • In pista con le Renault RS - anteprima 6

Imparare a conoscere, controllare e sfruttare in tutta sicurezza la propria auto. Con questi obiettivi Renault ha deciso di organizzare per tutti i clienti italiani della più piccola Renault Sport l'evento "Exciting Day Twingo RS", una giornata di prove sulla pista ISAM di Anagni dedicata alla guida sicura, ma orientata alla sportività. Noi di OmniAuto.it abbiamo avuto il piacere e l'onore di vivere questa giornata insieme ai clienti, seguiti e consigliati da istruttori esperti, "capitanati" da Lorenzo Marini ex pilota di Rally, ora volto noto di alcune trasmissioni TV dedicate al mondo dei motori.

ARRIVO ALL'ISAM DI ANAGNI
La giornata inizia molto presto: l'appuntamento è per le 8.30, ma la voglia di saggiare le capacità della RS ci ha fatto arrivare un po' in anticipo, giusto il tempo di fare conoscenza con i primi clienti della Casa francese giunti da ogni parte d'Italia per partecipare a questo "track-day monomarca". La maggior parte di loro è arrivata ad Anagni con la propria Twingo RS: gli esemplari presenti erano spesso personalizzati con decalcomanie, assetti speciali, spoiler e impianti audio sovradimensionati. Il tempo di fare due chiacchiere e un paio di foto che è già arrivato il momento di andare presso il punto d'accoglienza dove ci aspettano gli uomini dell'organizzazione per spiegarci l'intenso programma che ci attende.

LEZIONI TEORICHE IN AULA
Per imparare a controllare in ogni situazione la propria vettura, prima di qualsiasi prova pratica, è necessario conoscere alcune regole base di guida. Quindi da bravi studenti veniamo portati in un'aula dotata di proiettore dove un paziente Marini - previo piccolo questionario a sorpresa per testare le nostre conoscenze in materia - inizia a spiegarci minuziosamente le nozioni chiave, come la posizione di guida, le basilari regole di sicurezza da adottare e rispettare. Dopo poco tempo viene fuori che il nostro guidare "casual" di tutti i giorni (semi sdraiati, con braccio sul finestrino o con la mano sul cambio), unito alla distrazione, sono tra le principali cause di incidente, abitudini errate che ci portano ad essere tra i più indisciplinati guidatori d'Europa dopo Portogallo e Grecia (fonte - Istituto superiore di sanità).

SI PASSA ALL'AZIONE
Finalmente è arrivata l'ora di mettere in pratica tutte le nuove informazioni che abbiamo assimilato durante la parte teorica. In un apposito spazio esterno, al centro della pista ISAM, ci aspettano una serie di "prove" che ci insegneranno a controllare l'auto anche nelle condizioni più difficili. Il primo esercizio si svolge a bordo di una Clio dotata di skid sul retrotreno (un carrello che simula il comportamento dell'auto su fondi a scarsa aderenza). Appena saliti a bordo la prima sensazione è quella di condurre un mezzo quasi privo di controlli, visto che ogni comando (sterzo, gas, freno) - a causa dello skid - risulta essere molto più sensibile. Dopo pochi minuti però, l'apprendimento comincia ad andar di pari passo col divertimento e la nostra vettura inizia a "danzare" in maniera sempre più controllata tra i birilli, grazie a controsterzi più precisi e un più delicato uso di pedali e volante. Ancora intontiti dagli innumerevoli "girotondi", saliamo a bordo di una Laguna Coupè per eseguire un percorso in retromarcia cronometrato. Dopo l'ultima "fatica" è l'ora della "prova dell'Alce" da eseguire sempre a bordo della Laguna. Questo test, utilissimo per misurare la stabilità della vettura, serve ad imparare a schivare un ostacolo imprevisto, mantenendo la traiettoria corretta. Il resto delle prove - frenate d'emergenza sul bagnato e slalom cronometrati tra i birilli - a bordo della Twingo RS e della sorella maggiore Clio RS, si susseguono senza particolari problemi, ma aumentando sensibilmente il nostro bagaglio di esperienza in questo tipo di manovre.

EMOZIONI IN PISTA
Forti delle nuove esperienze acquisite, siamo "belli carichi" per fare il nostro primo giro in pista con la Twingo RS, come sempre, accompagnati da un istruttore. Prima di emozionarci nella guida su circuito però, facciamo una ricognizione da passeggeri, utile a prendere contatto con la serie di curve che si susseguono lungo il tracciato di circa 2,5 km. Terminato il giro, ci mettiamo al volante ansiosi di sfruttare i 133 CV erogati dal quattro cilindri di 1,6 litri. Inseriamo la prima marcia e usciamo lentamente dai box affrontando la prima curva con una palpitante emozione, ma dopo aver preso confidenza con la vettura, iniziamo ad apprezzare tutte le qualità della piccola e pepata francese che si dimostra completamente a suo agio in questa pista quasi, non troppo veloce. Il comportamento dell'auto rimane quasi sempre neutro, con risposte sincere ed immediate paragonabili a quelle di un kart; solo in alcuni casi accenna un leggero sottosterzo - sempre controllabile - nelle curve più impegnative e prese con troppa allegria. Scesi dal "piccolo diavolo" arriva il momento di testare le doti della più potente Clio RS, forte di un motore da 2,0 litri con 203 succosi cavalli. Dopo le prime curve notiamo subito le differenze rispetto alla Twingo, sia in quanto ad assetto che a cavalleria: se la Clio predilige percorsi misti-veloci dove emergono le sue doti di stabilità e precisione alle velocità medio-alte, la Twingo RS si è confermata l'arma ideale sull'ISAM, con inserimenti in curva fulminei e una reattività sincera e mai traditrice.

PREMIAZIONE E RITORNO A CASA
Dopo una divertente, istruttiva, ma estenuante giornata di guida, ritorniamo in aula dove vengono consegnati gli attestati di partecipazione insieme ad alcuni gadget griffati Renault. Salutati e ringraziati gli organizzatori, gli istruttori, i giornalisti e i ragazzi che ci hanno accompagnato lungo il corso di questa bella esperienza, facciamo ritorno a casa convinti senza ombra di dubbio di non essere diventati dei piloti, ma di avere acquisito delle informazioni e delle tecniche che oltre ad averci dato più sicurezza, ci hanno fatto capire che guidare in modo sportivo può essere molto divertente, ma per farlo in sicurezza è sempre meglio essere adeguatamente preparati e farlo esclusivamente in pista.

Galleria fotografica - Esercizi con le RenaultGalleria fotografica - Esercizi con le Renault
  • Esercizi con le Renault - anteprima 1
  • Esercizi con le Renault - anteprima 2
  • Esercizi con le Renault - anteprima 3
  • Esercizi con le Renault - anteprima 4
  • Esercizi con le Renault - anteprima 5
  • Esercizi con le Renault - anteprima 6

Autore: Francesco Donnici

Tag: Eventi , Renault , guida sicura


Top