dalla Home

Attualità

pubblicato il 24 novembre 2009

Antonio Tajani confermato alla Commissione Ue

Soddisfatti il ministro dei Trasporti Matteoli e il sindaco di Roma Alemanno

Antonio Tajani confermato alla Commissione Ue

La conferma di Antonio Tajani quale rappresentante italiano nella Commissione Ue è stata ufficializzata ieri dal premier Silvio Berlusconi tramite una lettera inviata al Presidente della Commissione José Barroso. La notizia, che era stata quasi data per acquisita negli ambienti della Commissione dopo il naufragio della candidatura di Massimo D'Alema per il posto di Alto rappresentante Ue per la politica estera e di sicurezza (andato alla britannica Catherine Ashton), potrebbe essere seguita, secondo fonti ben informate, dall'annuncio della vicepresidenza e della competenza per i trasporti, con l'eventuale estensione a settori industriali, tra cui l'aerospaziale.

La conferma di Tajani, che OmniAuto.it avava intervistato a Roma, "premia la sua azione sviluppata nella precedente esperienza, che è stata unanimemente apprezzata a livello europeo", ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, auspicando "che al vicepresidente uscente siano mantenute, anzi estese, le attuali deleghe ai trasporti per potere proseguire il lavoro in modo ancor piu' proficuo". Congratulazioni anche dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che ha sottolineato come "la sua competenza nei trasporti, un settore così vitale per l'economia, è per Roma un aiuto prezioso nel momento in cui per la Capitale si sta delineando una riconfigurazione dell'intero sistema viario e trasportistico, per renderla ancor più interconnessa con i corridoi della mobilità europea e per progettare le grandi opere che la città attende per rilanciare la produttività dei suoi distretti attraverso una logistica efficiente".

"Ringrazio Berlusconi per la fiducia accordata", ha commentato Tajani, già portavoce del premier e per molti anni esponente di riferimento di Forza Italia all'interno del Ppe all'Europarlamento. "Continuerò ad impegnarmi come vicepresidente della Commissione e cercherò di risolvere i problemi e rendere onore all'Italia", ha aggiunto, ricordando che, se saranno confermati i Trasporti e se nel caso ci sarà un allargamento del portafoglio, "è ancora presto per saperlo. Prima Barroso dovrà avere il quadro di tutti i commissari indicati dai governi dei 27 - ne mancano ancora alcuni - e poi si parlerà di competenze".

Autore:

Tag: Attualità , unione europea


Top