dalla Home

Motorsport

pubblicato il 21 novembre 2009

6h di Vallelunga: Lola in pole

Il "Dottore" sigla il miglior tempo tra i compagni e domani partirà dalla quinta fila in piena bagarre

6h di Vallelunga: Lola in pole

Tutto come da programma alla 6h di Vallelunga: pole (con Giacomo Piccini in 1' 26"799) e prima fila alle due Lola-Judd LMP2 del team Racing Box di Geri/Piccini/Piccini e Biagi/Francioni/Piscopo, sulla carta e in pista le più veloci delle 26 vetture che hanno disputato le qualifiche della 19esima edizione.

I riflettori erano però tutti puntati sul confronto fra le vetture granturismo, grazie alla presenza di Valentino Rossi che ha attirato alla pista romana centinaia di tifosi "giallovestiti". Imprendibile la Ferrari F430 GT2 AF Corse degli esperti Piergiuseppe Perazzini, Marco Cioci e Gianmaria Bruni, prima in classe GT2 e quarta assoluta, mentre la classe GT3 è stata dominata dalle due Ferrari F430 del team Kessel Racing. Più veloce quella di Moncini/Naspetti/Taddeo, che ha preceduto di quasi mezzo secondo la berlinetta numero 46 del trio più atteso del weekend, quello formato da "Uccio" Salucci, Andrea Ceccato e, appunto, Rossi.

Che, un po' a sorpresa, è stato il più veloce del suo equipaggio: 1'35"949 contro l'1'35"957 di Ceccato. Solo 8 millesimi, che significano però tantissimo perché Ceccato è un professionista che quest'anno si è piazzato terzo nella LMS, mentre Valentino su una GT prima di ieri non ci era mai salito. Eppure secondo lui "paragonare moto e auto è un po' come paragonare calcio e basket, cioè, c'è la palla ma è una cosa totalmente diversa" ha detto alla fine delle qualifiche.

Valentino è andato bene sul giro secco, ma domani dovrà passare per la prova del nove: una partenza lanciata dalla quinta fila in piena bagarre. Davanti avrà due GT2 più potenti pronte a scappare, accanto i compagni di scuderia e dietro un prototipo Lucchini e un avversario temibilissimo che in GT3 potrebbe dare filo da torcere a tutti. All'ultimo momento è arrivato infatti un "pezzo da novanta" come Emanuele Pirro, il cinque volte Mr. Le Mans, che sul tracciato romano poco più di un mese fa si era imposto da ospite nella Porsche Cayman Cup e disputerà la 6 Ore con Graziani e Marchetti su una Corvette C6R.

"La nostra macchina va forte ed ha un buon motore, per cui speriamo di fregare qualche GT2, ma in 6 ore vince chi sbaglia meno, chi ha meno sfiga". La sua prima gara da pilota di endurance comincerà domattina alle ore 9.30. Un po' presto per lui, e infatti a Valentino scappa una battuta delle sue: "Speriamo che ci sia un po' di nebbia come stamattina, così partiamo un po' più tardi...".

Autore:

Tag: Motorsport , piloti


Top