dalla Home

Mercato

pubblicato il 11 novembre 2009

Pininfarina Bluecar: dal 2011 a 330 euro al mese

Sono già oltre 6.600 le prenotazioni per l’elettrica di Torino

Pininfarina Bluecar: dal 2011 a 330 euro al mese
Galleria fotografica - Pininfarina Bluecar: la brochureGalleria fotografica - Pininfarina Bluecar: la brochure
  • Pininfarina Bluecar: la brochure - anteprima 1
  • Pininfarina Bluecar: la brochure - anteprima 2
  • Pininfarina Bluecar: la brochure - anteprima 3
  • Pininfarina Bluecar: la brochure - anteprima 4
  • Pininfarina Bluecar: la brochure - anteprima 5
  • Pininfarina Bluecar: la brochure - anteprima 6

La Pininfarina Bluecar, la piccola vettura elettrica prodotta dalla Carrozzeria torinese con il gruppo francese Bolloré, arriverà nel 2011 e si potrà noleggiare a 330 euro con la possibilità di recedere già dopo il terzo mese se non si è convinti della propria scelta. Da Torino confermano dunque che i nuovi assetti societari non hanno mutato le strategie e che saranno mantenute tutte le promesse fatte al Salone di Ginevra del marzo scorso, quando sono state aperte le prenotazioni per la Bluecar superando ad oggi le 6.600 prelazioni.

I clienti hanno inoltre nei giorni scorsi avuto la prima comunicazione dal momento della prenotazione e, tramite email, hanno ricevuto la brochure (in inglese e francese) e qualche riga con la quale si annuncia l'avvenuta apertura dei due stabilimenti - il 24 settembre a Ergué Gabéric in Francia e il 27 ottobre a Montreal, in Canada - della BatScap, la consociata del gruppo Bolloré che si occuperà della produzione delle batterie ai polimeri di litio da 30 kWh destinate ad essere alloggiate sotto il pavimento della vettura assicurandole un'autonomia di 250 km. Queste batterie hanno un volume di 300 litri, un voltaggio di 410 Volt, una vita di 200mila km e saranno il serbatoio della BlueCar, ma anche del microbus Gruau. A questo proposito, la Pininfarina ha firmato lo scorso 15 ottobre un accordo con la Regione Piemonte con il quale si impegna a riconvertire autobus Euro O in euro 5 inserendo in flotta piccoli bus elettrici. Il destino di Pininfarina come costruttore è dunque l'ecomobilità, e non solo per le automobili.

Nel frattempo si continua nell'attività di progettazione e industrializzazione della BlueCar. Lo stile, che è uno dei fiori all'occhiello dell'auto, sarà al 98% quello del prototipo visto al Salone di Ginevra nel 2009. I primi esemplari usciranno dallo stabilimento a giugno e saranno dedicati ad attività di verifica e collaudo prima della partenza a pieno regime. La parte della commercializzazione sarà invece curata dalla Bolloré in Francia. Al momento, non sono previsti accordi con enti e aziende di produzione e/o distribuzione di energia, come nel caso di altri costruttori che si preparano al lancio di auto elettriche.

La Bluecar è lunga 3,65 metri, ha un passo di 2,5 metri e ha anche molti altri elementi di sicuro interesse come la già citata autonomia di 250 km, assai superiore rispetto ai progetti di altre case che oscillano tra 90 e 160 km, e la possibilità di essere ricaricata in 5 minuti in modo sufficiente per percorre 25 km, abbastanza per tornare a casa e proseguire il rifornimento dalla presa domestica. La vettura italo-francese si affiderà anche al sole per ricaricarsi grazie ai pannelli fotovoltaici presenti sul tetto e sul corto cofano anteriore. Ma non è finita qui perché la batteria sarà affiancata da supercapacitori, dispositivi che accumulano velocemente grandi capacità di energia in rilascio e la rilasciano in modo altrettanto veloce, una soluzione che consente di sottoporre la batteria a cicli di ricarica meno numerosi. In questo modo risulta meno stressata e se ne garantisce la vita per 200mila km.

La Bluecar ha un motore da 50 kW (68 kW), raggiunge 130 km/h (velocità limitata elettronicamente) e accelera da 0 a 60 km/h in 6,3 secondi. È previsto inoltre uno speciale emettitore di rumore denominato "Soft sound" per consentire di richiamare l'attenzione dei pedoni. Interessante anche l'abitacolo, abbastanza spazioso per 5 persone e dotato di una telematica avanzata, pronta a interfacciarsi con il proprio smartphone per svariate funzionalità.

Per scaricare la brochure cliccate qui.

Galleria fotografica - Pininfarina-Bollore B°Galleria fotografica - Pininfarina-Bollore B°
  • Pininfarina-Bollore B° - anteprima 1
  • Pininfarina-Bollore B° - anteprima 2
  • Pininfarina-Bollore B° - anteprima 3
  • Pininfarina-Bollore B° - anteprima 4
  • Pininfarina-Bollore B° - anteprima 5
  • Pininfarina-Bollore B° - anteprima 6

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Mercato , auto elettrica


Top