dalla Home

Motorsport

pubblicato il 7 novembre 2009

F1: come sarà la prossima stagione?

L'intervista a Enrico Gelpi, neo vice presidente della FIA per lo sport

F1: come sarà la prossima stagione?

La stagione che si è appena conclusa è stata per la Formula 1 ricca di colpi di scena, tra nuove regole, incidenti clamorosi e il tanto discusso "Singapore gate". E' quindi arrivato il momento di voltare pagina e di guardare al 2010 con un nuovo vertice ed una FIA rinnovata. Ma su cosa si punterà per rilanciare la massima formula?

Una prima risposta ce l'ha data Enrico Gelpi, il presidente dell'Automobile Club d'Italia che è stato da poco eletto vice presidente della FIA per lo sport. "Quella dell'anno prossimo è una situazione ancora in divenire - ha detto - perché ci sono problemi economici globali forti". Per questo, secondo Gelpi, bisogna ripartire dalle regole, che devono essere "più chiare, semplici e stabili" e dalla necessità di ridurre i costi per tutti, tenendo conto della delicata congiuntura economica globale.

La strada è tutta in salita, ma la FIA ha una grande fiducia nel suo nuovo presidente, Jean Todt. "Ha dimostrato, proprio nella sua attività in Italia come direttore generale Ferrari, di saper far squadra - ha spiegato Gelpi - Soprattutto di saper costruire una squadra vincente e di valorizzare tutte le sue varie componenti. Credo che debba applicare questo metodo alla FIA, che ultimamente non ha passato momenti molto positivi", ha aggiunto, precisando che quello che ci vuole adesso "è una FIA e una governance più forti e una buona stabilità di regole".

Per questo il presidente Todt, come ci ha anticipato Gelpi, "ha già annunciato che in dicembre farà una riunione operativa per pianificare le attività del prossimo anno". Un anno, il 2010, in cui l'Italia sarà protagonista. Oltre alla nomina del presidente dell'Automobile Club d'Italia a vice presidente della FIA per lo sport (che garantirà al paese una certa visibilità all'interno della Federazione), c'è anche la soddisfazione, già espressa da Gelpi, per il fatto che la FIA ha accolto la proposta italiana di organizzare a Como la settimana della mobilità globale abbinata al Consiglio mondiale. È la prima volta che l'evento annuale si terrà in Europa ed è quindi "significativo" che proprio l'Italia sia il paese prescelto. "Non dimentichiamo", come ha sottolineato Gelpi, che il nostro è tra i mercati automobilistici più importanti, con una grande industria e "soprattutto una tradizione sportiva a tutti i livelli, fino all'eccellenza Ferrari, che è conosciuta in tutto il mondo".

Autore:

Tag: Motorsport , formula 1


Top