dalla Home

Motorsport

pubblicato il 7 novembre 2009

F1: la Ferrari è preoccupata

Scatta l'allarme a Maranello per la diaspora dei costruttori

F1: la Ferrari è preoccupata

Alla Ferrari qualcosa non quadra, la fuga dalla F1 di Honda, BMW e Toyota, quella annunciata dalla Bridgestone e la minacciosa pausa di riflessione della Renault suonano come un campanello d'allarme e così a Maranello hanno diramato un comunicato stampa che suona come un avvertimento per tutto il circus.

"La Formula 1 continua a perdere pezzi importanti: in dodici mesi hanno annunciato il ritiro la Honda, la BMW, la Bridgestone e, stamattina, la Toyota. Sostituite da Manor, Lotus (il nome, solo quello, perché del team di Colin Chapman, Jim Clark e Ayrton Senna, tanto per citarne alcuni, non c'è poi molto altro.), USF1 e Campos Meta. Dite che sia la stessa cosa, basta essere in molti seduti a tavola? Mica tanto, e poi bisognerà vedere se, l'anno prossimo in Bahrain saremo davvero così tanti sulla griglia di partenza della prima gara della stagione 2010 e quanti arriveranno alla fine dell'anno".

Insomma, il team più leggendario della F1 non si fida dei nuovi arrivati, vuole garanzie, e avanza un sospetto sulla diaspora dei costruttori: "La realtà è che questo continuo stillicidio di defezioni è il risultato più di una lotta condotta contro i grandi costruttori automobilistici da parte di chi ha gestito la Formula 1 in questi ultimi anni che degli effetti della crisi economica". Ci risiamo, alla fine sotto accusa sono sempre loro, la coppia Ecclestone-Mosley, il primo reo di pensare soprattutto all'incremento degli introiti pubblicitari a discapito dello spettacolo in pista, l'ultima gara di Abu Dhabi ne è un perfetto esempio, ed il secondo intenzionato a vincere le sue battaglie personali, come quella contro Briatore, piuttosto che a salvaguardare la F1.

La speranza è che i rapporti tra la Federazione e i costruttori migliorino e, con l'arrivo di Todt alla presidenza FIA, quest'ultimi ricevano quelle garanzie necessarie per continuare ad investire nella massima formula.

Autore: Valerio Verdone

Tag: Motorsport , Ferrari , formula 1


Top