dalla Home

Motorsport

pubblicato il 4 novembre 2009

Toyota si ritira dalla F1

Dopo Honda e BMW un altro costruttore abbandona la massima formula

Toyota si ritira dalla F1
Galleria fotografica - Toyota F1 2009 - TF109Galleria fotografica - Toyota F1 2009 - TF109
  • Toyota F1 2009 - TF109 - anteprima 1
  • Toyota F1 2009 - TF109 - anteprima 2
  • Toyota F1 2009 - TF109 - anteprima 3
  • Toyota F1 2009 - TF109 - anteprima 4
  • Toyota F1 2009 - TF109 - anteprima 5
  • Toyota F1 2009 - TF109 - anteprima 6

La notizia è ufficiale: la Toyota lascia la F1. Una comunicazione che riduce ulteriormente il numero dei costruttori nel circus iridato e si aggiunge a quella della Bridgestone che abbandonerà la massima formula al termine della prossima stagione. Dopo 13 podi e il quinto posto nel mondiale costruttori 2009 la Casa delle Tre Ellissi non sarà più una delle protagoniste nei gran premi di tutto il mondo.

"Le risorse a disposizione sono insufficienti per assicurare un team competitivo - ha detto Akio Toyoda - la crisi che attraversa il settore dell'auto impone che siano prese delle severe iniziative". Parole chiare, che esplicitano in maniera cristallina la situazione di crisi in cui versa il più grande costruttore automobilistico mondiale e giustificano una scelta inevitabile. D'altra parte rimanere nella massima formula per correre sempre nelle retrovie, senza avere il budget per tentare di costruire una vettura competitiva, sarebbe stato altamente lesivo per l'immagine della Toyota.

Così, la Casa giapponese spegne i motori e alza bandiera bianca e il futuro dei suoi piloti, Jarno Trulli e Timo Glock, appare alquanto nebuloso.

Autore: Valerio Verdone

Tag: Motorsport , Toyota , formula 1 , piloti


Top