dalla Home

Mercato

pubblicato il 3 novembre 2009

Ecoincentivi 2009: è boom anche ad ottobre

L'ACI ne sottolinea il successo e la necessità di un rinnovo per il 2010

Ecoincentivi 2009: è boom anche ad ottobre

Ad ottobre su 195.545 auto immatricolate 110.407 sono state acquistate grazie agli ecoincentivi. A sottolinearlo è l'ACI che, sulla base degli archivi del Pubblico Registro Automobilistico, ricorda come nell'89,60% dei casi è stato contemporaneamente rottamato un veicolo e ribadisce la necessità di prorogare gli incentivi almeno fino alla fine del 2010, estendendo i benefici alle vetture dotate dei principali sistemi di sicurezza e ai veicoli usati Euro 4 più moderni.

"Le famiglie chiedono un quadro di riferimento più duraturo", ha detto Enrico Gelpi, presidente dell'ACI, sottolineando che "l'aumento di +1,26% delle vendite con ecoincentivi rispetto a settembre dimostra l'efficacia della politica di sostegno economico della domanda automobilistica". "Fondamentale in questa fase - ha aggiunto - è stato il ruolo dei concessionari che hanno consigliato al meglio gli acquirenti su tutte le facilitazioni disponibili".

Gli ecoincentivi legati alla radiazione, come ha messo in luce l'Automobile Club, hanno avuto più successo al Sud. In Basilicata il 98,97% degli acquisti con incentivi è avvenuto in sostituzione di un'auto più inquinante; in Calabria il 98,69% e in Sicilia il 98,44%. Quelli non vincolati alla radiazione, con un peso nazionale di circa il 10,40% sul totale degli incentivi concessi, hanno inciso maggiormente in Emilia Romagna (il 20,62% delle agevolazioni), Toscana (16,30%) e Piemonte (16,18%).

Il 62,84% delle agevolazioni è stato inoltre concesso per auto di cilindrata compresa tra 1200 e i 1500 cc., l'11,64% per vetture fino a 1000 cc, mentre il 46,44% delle auto demolite con richiesta di incentivi sono Euro 2, seguite dal 31,91% di Euro 1 e dal 21,65% di Euro 0.

Autore:

Tag: Mercato


Top