dalla Home

Motorsport

pubblicato il 2 novembre 2009

F1: ad Abu Dhabi finisce l'amara stagione Ferrari

Ora bisogna ripartire da zero

F1: ad Abu Dhabi finisce l'amara stagione Ferrari
Galleria fotografica - Ferrari F1 ad Abu Dhabi 2009Galleria fotografica - Ferrari F1 ad Abu Dhabi 2009
  • Ferrari F1 ad Abu Dhabi 2009 - anteprima 1
  • Ferrari F1 ad Abu Dhabi 2009 - anteprima 2
  • Ferrari F1 ad Abu Dhabi 2009 - anteprima 3
  • Ferrari F1 ad Abu Dhabi 2009 - anteprima 4
  • Ferrari F1 ad Abu Dhabi 2009 - anteprima 5
  • Ferrari F1 ad Abu Dhabi 2009 - anteprima 6

Niente da fare, neanche quel terzo posto nel mondiale costruttori, l'ultimo risultato utile per salvare la stagione, è stato conquistato. Così, quando si sono spenti i riflettori sul circuito di Yas Marina, alla Ferrari hanno tracciato un bilancio della gara che sintetizza quello della stagione. "Dispiace vedere sfuggire il terzo posto nel campionato costruttori - ha detto Stefano Domenicali, direttore della gestione sportiva - per appena un punto ma dobbiamo accettare il verdetto della pista. Abbiamo preso una decisione strategica sullo sviluppo della F60 alcuni mesi fa ed eravamo consapevoli che, col passare del tempo, la strada sarebbe stata sempre più in salita. Voglio fare comunque i complimenti a tutta la squadra che, pur in condizioni difficili, ha sempre mantenuto alta la concentrazione e ha svolto il suo compito con determinazione e impegno".

"Non avevamo la macchina per essere competitivi e lo sapevamo - gli fa eco Kimi Raikkonen - sicuramente non è stato un bel week-end, ma credo che nessuno di noi abbia qualcosa di cui rimproverarsi: abbiamo fatto il massimo che potevamo con il potenziale a disposizione". Parole rassegnate che rispecchiano in pieno le difficoltà avute nel corso del campionato a causa di una monoposto poco competitiva. Dichiarazioni a cui si aggiungono anche quelle di un Giancarlo Fisichella che non ha avuto, in questi ultimi gran premi, la possibilità di mostrare tutte le sue potenzialità. Mi dispiace per il terzo posto sfuggito in questa maniera, ma oggi il nostro passo era quello che era, come si è visto con il dodicesimo posto del mio compagno di squadra. Ho cercato di dare il massimo, come sempre del resto, e credo di aver fatto una buona gara".

Adesso che il circus iridato è pronto per una pausa di riflessione, prima di tornare a lavorare per la prossima stagione, alla Ferrari avranno modo di riordinare le idee e di dedicarsi con tutte le loro risorse allo sviluppo della monoposto 2010, una vettura che tutti i tifosi attendono con impazienza. "Ora dobbiamo continuare a lavorare sul progetto della nuova macchina - spiega Domenicali - perché abbiamo un obiettivo molto semplice: dobbiamo tornare a lottare per la vittoria".

Autore: Valerio Verdone

Tag: Motorsport , Ferrari , formula 1


Top