dalla Home

Curiosità

pubblicato il 1 novembre 2009

BMW M5 Cabriolet E34: uccisa nella culla

Il progetto fu cancellato a una settimana da Ginevra '89

BMW M5 Cabriolet E34: uccisa nella culla
Galleria fotografica - BMW E34 M5Galleria fotografica - BMW E34 M5
  • BMW E34 M5 - anteprima 1
  • BMW E34 M5 - anteprima 2
  • BMW E34 M5 - anteprima 3
  • BMW E34 M5 - anteprima 4
  • BMW E34 M5 - anteprima 5
  • BMW E34 M5 - anteprima 6

In occasione dei 25 anni della BMW M5, la Casa di Monaco di Baviera ha pensato bene di svelare un progetto riguardante una versione Cabriolet della BMW M5 della gamma "E34" davvero affascinante. La vettura, pronta per fare il suo debutto al Salone di Ginevra dell'89, venne improvvisamente cancellata dai programmi di produzione una settimana prima del suo bagno di folla. All'ultimo momento, infatti, venne ritenuta pericolosa: una M5 Cabriolet avrebbe innescato, secondo il management, una forte richiesta di una versione "non-M" della Serie 5 Cabriolet, con inevitabili conseguenze negative per le vendite della Serie 3 Cabriolet.

Tornando al passato, la primigenia forma della BMW M5 (famiglia E28) nacque nel 1984 (presentazione ufficiale al Salone dell'Auto di Amsterdam) seguendo una nuova filosofia costruttiva che voleva anche le case ufficiali tedesche impegnate nella realizzazione di versioni "super sportive" basate sulle grandi berline. Una strategia che mirava a strappare importante clientela ai tuner nazionali, che già allora albergavano in tutta la Germania Ovest mietendo successo: Koenig Specials, AMG, Hamann, Strosek, Gemballa, Brabus e molti altri trasformavano l'anima sorniona di una berlina ottenendo una brutale bestia che, in molti casi, surclassava una coupé sportiva.

La BMW M5 ha quindi continuato una felice carriera trovando adeguato spazio nelle famiglie di modello contrassegnate dalle sigle di progetto E34, E39 e E60, l'attuale versione con V10 da 507 CV. Negli anni '80 la polverizzazione dei segmenti in nicchie e "nicchie delle nicchie", ancora non imperversava; dunque vigeva una certa cautela nel proporre al mercato automobili fin troppo esotiche con il rischio di creare flop clamorosi o rubare importanti quote ad altri modelli della propria scuderia. Ed ecco quindi perché risale al 1989 l'esistenza di un simile progetto per una BMW M5 E34 Cabriolet. La vettura fu effettivamente realizzata: capote in tela ad azionamento elettrico, due sole porte, quattro posti e, ovviamente, il medesimo layout meccanico della versione berlina con, come pezzo forte, un vigoroso 6 cilindri in linea di 3,6 litri con 315 CV. Che dire? Un vero peccato...

Galleria fotografica - BMW M5 Cabriolet E34Galleria fotografica - BMW M5 Cabriolet E34
  • BMW M5 Cabriolet E34 - anteprima 1
  • BMW M5 Cabriolet E34 - anteprima 2
  • BMW M5 Cabriolet E34 - anteprima 3

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Curiosità , Bmw


Top