Blind Test Kia

omniauto #savethemanualsomniauto #savethemanualsomniauto #savethemanualsomniauto #savethemanualsomniauto #savethemanuals

Kia Sportage, la prova "al buio" del SUV coreano

E’ successo a Kia Sportage, giudicato da tre “blind tester” già proprietari di SUV

Riconoscere un'auto a occhi bendati. E’ questa l’ultima sfida che vi abbiamo lanciato e che apparentemente potrebbe sembrare un “nonsense”, visto che, soprattutto in Italia, le automobili le scegliamo in base al design. Invece un senso c’è. Ed è questo: darvi modo di scoprire e giudicare il nostro “oggetto misterioso” tramite il tatto, l'udito e l’olfatto, senza i pregiudizi legati al marchio.

Percezioni sensoriali

Marchio che, nel caso specifico - ora possiamo svelarlo - è Kia, veicolato dal suo modello più importante e rappresentativo, vale a dire il SUV Sportage, qui con il diesel 1.7 da 141 CV e cambio automatico a doppia frizione. Segni particolari: altezza da terra pronunciata, Ice Cubes come luci diurne a led, volante a tre razze in pelle e cornici cromate attorno alle superfici vetrate. Tutte cose che i nostri tre tester bendati non hanno potuto vedere, se non a fine prova. Prima prova, quella di “tocco”: fari, carrozzeria, plastiche interne, sedili, comandi e pulsanti vari; tutto viene analizzato nel dettaglio. Andrea chiede già una prima ipotesi. Volete sapere la risposta? Guardate il video… La seconda prova è dinamica, serve a capire quali sensazioni danno l’assetto, il motore, i rumori e l’impianto stereo. Come prima, Andrea e chiede qualche nome, mentre noi vi rimandiamo alla visione del video per conoscere la risposta dei nostri blind tester.

Dalla teoria alla pratica

Per effettuare la terza prova, di guida, è l’auto che si deve nascondere: dal momento che non possiamo chiudere gli occhi di qualcuno che deve guidare, lo accompagniamo in macchina bendato e, davanti a lui, un abitacolo con tutti loghi e i segni distintivi coperti. Danilo, William e Fabio si alternano alla guida, incalzati dalle tante domande di Andrea, che chiede impressioni su tutto: sterzo, motore, cambio, impianto stereo, comfort… Quando i turni di guida sono finiti per tutti, non è però terminata la sfida: Andrea permette ai nostri tre amici di vedere l’auto, ma ancora con i loghi coperti, e quando chiede di che marca si tratta, solo Danilo azzecca; Fabio dice Volkswagen e William Audi.


oa inside
Top