Lancia

Fondazione

Nel 1906 da Vincenzo Lancia e Claudio Fugolin in Torino, It

Sede Italia

Corso Giovanni Agnelli, 10135 Torino
Sito ufficiale »

La Storia

Marchio che storicamente unisce l’eleganza con la raffinatezza meccanica, dal 1969 è di proprietà della Fiat. L’ultimo periodo fulgido ha coinciso con gli anni della Thema e della Delta. Ora ha una gamma, sempre improntata all’eleganza, limitata a cinque modelli, due dei quali su base Chrysler: la Thema e la monovolume Voyager. Infatti nell’ambito del FGA, nel marchio Lancia è stata fusa la Chrysler, di cui la Fiat detiene la maggioranza. I due fondatori sono collaudatori della Fiat e Vincenzo Lancia. Leggi tutta »

FUORI COMMERCIO2007-2013

Musa

FUORI COMMERCIO2011-2015

Ypsilon

FUORI COMMERCIO2006-2013

Ypsilon

FUORI COMMERCIO2011-2014

Delta

FUORI COMMERCIO2012-2014

Flavia

FUORI COMMERCIO2011-2015

Voyager

FUORI COMMERCIO2011-2014

Thema

La storia

Marchio che storicamente unisce l’eleganza con la raffinatezza meccanica, dal 1969 è di proprietà della Fiat. L’ultimo periodo fulgido ha coinciso con gli anni della Thema e della Delta. Ora ha una gamma, sempre improntata all’eleganza, limitata a cinque modelli, due dei quali su base Chrysler: la Thema e la monovolume Voyager. Infatti nell’ambito del FGA, nel marchio Lancia è stata fusa la Chrysler, di cui la Fiat detiene la maggioranza. I due fondatori sono collaudatori della Fiat e Vincenzo Lancia è un pilota di valore e di esperienze internazionali. Il primo modello che fa emergere la giovane Casa nell’affollato panorama di inizio 1900 è la Lambda del 1922, prima auto al mondo in cui il telaio funge anche da carrozzeria, una tecnica destinata a essere impiegata praticamente da tutte le auto ancora oggi. Gianni Lancia, figlio del fondatore, non è insensibile al fascino delle competizioni: dal 1952 al ’54 la Lancia vince la Targa Florio; nel ’53 conquista anche la Carrera Panamericana e nel 1954 si impone anche nella Mille Miglia. Realizza anche una F.1, ma la situazione finanziaria è critica: Lancia decide di cedere tutto il materiale alla Ferrari e, fra il 1955 e il ’59 l’azienda passa all’ingegnere bergamasco Carlo Pesenti che la cederà poi alla Fiat. Degli anni 1970 rimane soprattutto il ricordo della Fulvia Coupé, dei suoi successi nei rally e in particolare della vittoria nel rally di Montecarlo 1972 con Sandro Munari. Sempre nei rally ci sarà poi il periodo della imbattibile Stratos, che vincerà 4 volte il “Montecarlo” e 3 campionati mondiali Rally Marche, dal 1974 al ’76, e ancora l’epoca della formidabile Delta, vincitrice di tutti i titoli mondiali dal 1987 al ’92. Nel 1984 debutta la Thema, l’ultima grande Lancia di successo: rimarrà in produzione fino al ’94 e sarà venduta in oltre 357mila esemplari. All’altro estremo della gamma arriva nel 1985 la piccola Y10, frutto dell’acquisizione dell’Autobianchi, e che si svilupperà in prima nella Y e poi nella Ypsilon che è ancora molto apprezzata oggi. Anche l’erede della Thema, proposta nel 2011, è frutto di un’acquisizione, poiché è basata sulla Chrysler C300.

Curiosità

La prima Lancia, prodotta nel 1907, fu…un’Alfa. Ma non di quelle che poi sarebbero diventate Alfa Romeo, visto che l’Anonima Lombarda Fabbrica Automobili sarebbe nata soltanto tre anni dopo. Più semplicemente per il modello d’esordio era stata scelta la prima lettera dell’alfabeto greco: una consuetudine che poi continuò con le lettere successive e che si ritrova nelle attuali Delta o Ypsilon.

Top