Ford

Fondazione

Nel 1903 da Henry Ford con 11 soci in Detroit, USA, St

Sede Italia

Andrea Argoli, 00143 Roma
Sito ufficiale »

La Storia

L’obiettivo di mettere l’automobile alla portata di quante più persone possibile è stato nella strategia di Henry Ford fin dall’avvio della sua attività e ancora è perseguito dall’azienda americana. Oggi lo fa con una gamma vastissima e molto articolata, che riserva le vetture di lusso al marchio Lincoln, non importato in Italia. Come in Europa, anche in Italia la Ford nel 2011 è risultata la seconda Marca più venduta e nel 2010 occupava il quinto posto fra i produttori di veicoli a livello mondiale.. Leggi tutta »

FUORI COMMERCIO2008-2016

Ka

FUORI COMMERCIO2014-2015

EcoSport

IN ARRIVO08 2017

Fiesta 3 porte

IN ARRIVO08 2017

Fiesta 5 porte

IN ARRIVO08 2017

Fiesta Active

FUORI COMMERCIO2008-2013

Fiesta 3 porte

FUORI COMMERCIO2008-2013

Fiesta 5 porte

FUORI COMMERCIO2006-2012

Fusion

FUORI COMMERCIO2010-2014

C-Max

FUORI COMMERCIO2010-2014

C-Max 7

FUORI COMMERCIO2014-2015

C-Max Energi

FUORI COMMERCIO2011-2014

Focus 5 porte

FUORI COMMERCIO2013-2015

Focus Electric

FUORI COMMERCIO2011-2014

Focus Wagon

FUORI COMMERCIO2012-2015

Focus ST 5 porte

FUORI COMMERCIO2012-2015

Focus ST Station Wagon

FUORI COMMERCIO2010-2015

Galaxy

2016

Kuga

FUORI COMMERCIO2012-2016

Kuga

FUORI COMMERCIO2008-2013

Kuga

FUORI COMMERCIO2010-2015

Mondeo 5 porte

FUORI COMMERCIO2010-2014

Mondeo 4 porte

FUORI COMMERCIO2010-2015

Mondeo Wagon

FUORI COMMERCIO2010-2015

S-Max

La storia

L’obiettivo di mettere l’automobile alla portata di quante più persone possibile è stato nella strategia di Henry Ford fin dall’avvio della sua attività e ancora è perseguito dall’azienda americana. Oggi lo fa con una gamma vastissima e molto articolata, che riserva le vetture di lusso al marchio Lincoln, non importato in Italia. Come in Europa, anche in Italia la Ford nel 2011 è risultata la seconda Marca più venduta e nel 2010 occupava il quinto posto fra i produttori di veicoli a livello mondiale. Quella della Ford è la storia di un appassionato di motori e di corse che con alcuni soci avvia un’attività e, superati i primi scogli, imbocca rapidamente la strada del successo. Bastano cinque anni a Henry Ford per mettere in strada un modello fondamentale per la diffusione dell’automobile, soprattutto negli USA. Si tratta della Ford T che resterà in produzione dal 1908 al ’27 e sarà costruita in oltre 15 milioni di esemplari. Con la T Ford inventa anche un nuovo sistema produttivo, la catena di montaggio, che nel 1914 consente di fabbricare quasi 250mila T, l’equivalente della produzione di tutti gli altri costruttori americani. Nel 1964 nasce un altro mito della storia Ford, la Mustang, una sportiva che a 48 anni di distanza è ancora in vendita. E a proposito di miti sportivi, come dimenticare la GT40? Nata nello stesso anno della Mustang per sconfiggere in pista le Ferrari, e ci riuscirà vincendo il campionato mondiale Marche nel 1968 e imponendosi nella 24 Ore di Le Mans dal 1966 al ’69, era uscita di scena con il mutare dei regolamenti delle corse. Nel 2002 ricompare in chiave moderna, ma esteriormente quasi identica a quella del 1968. E’ prodotta dal 2004 al 2006 in poco più di 4mila esemplari, ambitissimi. Sulle nostre strade altri monumenti della storia Ford si chiamano Escort, prodotta dal 1968 al ’98, e ancor più Fiesta, debuttante nel 1976 e tuttora sulla cresta dell’onda: nel 2011 è stato il terzo modello più venduto in Italia! La Fiesta è impiegata anche nei rally del campionato mondiale dove ha preso il posto della Focus, che ha dato alla Ford il titolo mondiale Rally Costruttori nel 2006-07. Per finire con le corse sarebbe imperdonabile dimenticare il motore Ford-Cosworth, che ha spinto per 12 anni su 16 il pilota campione del mondo di F.1 fra il 1967 e il 1983 e lo ha fatto ancora nel 1994 montato sulla Benetton di Michael Schumacher.

Curiosità

Per 24 anni il veicolo più venduto negli USA è stato il pick up Ford F 150. Che ha avuto il suo momento di celebrità anche in Italia all’inizio del 2011 quando la Casa americana ha preteso, e ottenuto, che la Ferrari modificasse la sigla scelta per la sua monoposto di F.1, inizialmente denominata proprio F 150 in onore del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Top