Bentley

Fondazione

Nel 1919 da William Owen Bentley in Londra, Gran Bretagna, In

La Storia

Per quasi settant’anni è stata la cugina sportiva della aristocratica Rolls-Royce, la Casa che l’aveva rilevata nel 1931, ma nel 1998 è stata acquistata dalla Volkswagen. Continental, berlina, coupé e cabrio tutte con motore di 6.0 litri, e la berlina Mulsanne 6.8 litri ne compongono la gamma.William Owen Bentley ha la passione per le corse e per la meccanica: nel 1912 assieme al fratello diventa importatore in Inghilterra delle francesi Doriot, Flandrin & Parant e comincia a gareggiare. Alle prime. Leggi tutta »

IN ARRIVO03 2018

Mulsanne Convertible

FUORI COMMERCIO2010-2016

Mulsanne

La storia

Per quasi settant’anni è stata la cugina sportiva della aristocratica Rolls-Royce, la Casa che l’aveva rilevata nel 1931, ma nel 1998 è stata acquistata dalla Volkswagen. Continental, berlina, coupé e cabrio tutte con motore di 6.0 litri, e la berlina Mulsanne 6.8 litri ne compongono la gamma.William Owen Bentley ha la passione per le corse e per la meccanica: nel 1912 assieme al fratello diventa importatore in Inghilterra delle francesi Doriot, Flandrin & Parant e comincia a gareggiare. Alle prime avvisaglie della Grande Guerra si dedica con successo ai motori per aerei e soltanto nel 1919 può finalmente concretizzare il sogno di realizzare la prima automobile, la EXPI. La passione per le corse lo porta a iscrivere una Bentley 3.0 litri alla prima edizione della 24 Ore di Le Mans, nel 1923: l’auto si classifica al quarto posto, ma già l’anno dopo una Bentley conquista la vittoria, risultato che si ripeterà ininterrottamente dal 1927 al 1930. Per la giovane Casa è la consacrazione fra le grandi dello sport automobilistico, ma nello stesso periodo la crisi del 1929 costringe William Owen a cedere l’azienda alla Rolls Royce, che coglie così l’opportunità di levarsi di torno una pericolosa concorrente. Le Bentley costruite a Crewe, nella stessa fabbrica delle RR, finiscono per diventare le versioni più sportive delle corrispondenti Rolls Royce. Nel 2002 la Volkswagen restituisce piena dignità alla Casa fondata da WO ridandole addirittura la medesima ragione sociale di allora: Bentley Motors Limited. Il modello del rilancio è la Continental GT presentata nel 2002, una lussuosa coupé a trazione integrale spinta dal motore Volkswagen a 12 cilindri a W, disposti cioè su tre file, di 6.0 litri e sovralimentato da due turbocompressori, giunta nel 2010 alla seconda generazione. Nel ruolo di ammiraglia, svolto fino al 2009 dalla Arnage, è subentrata invece la Mulsanne.

Curiosità

Gran parte della fama delle Bentley di William Owen era dovuta alle 5 vittorie che la Casa aveva conquistato fra il 1924 e il 1930 nella 24 Ore di Le Mans. La Volkswagen decide di provare a riportare alla vittoria la Bentley a Le Mans, impostando un programma su due anni 2002 e 2003. E la Bentley non manca l’obiettivo, cogliendo nel 2003 la storica sesta vittoria. Con l’assistenza dei tecnici prima addetti all’Audi, con l’apporto di un motore nato in Germania e con al volante piloti ufficiali dell’Audi come Rinaldo Capello e Tom Kristensen.

Top